Cronaca Italia

Green Pass per gli over 50 valido fino a giugno. Cosa cambia dal 31 marzo con la fine dello stato d’emergenza

Con il 31 marzo finisce definitivamente lo stato d'emergenza e l'Italia potrebbe iniziare un percorso di uscita dalle restrizioni ancti-covid, ma l'obbligo di Green Pass resterà
Green Pass per gli over 50 valido fino a giugno. Cosa cambia dal 31 marzo con la fine dello stato d'emergenza

Ci sono prime novità in merito a quanto accadrà a partire dal 31 marzo, tra queste c’è anche la questione relativa all’obbligo di Green Pass per gli over 50 sui posti di lavoro, sul quale si è espresso il sottosegretario alla salute Costa.

Non solo la questione Green Pass, sono diverse le novità che sembrano essere in arrivo con la fine dello stato d’emergenza.

Obbligo di Green Pass sul lavoro agli over 50: la decisione

In collegamento con Mattino 5, il Sottosegretario Andrea Costa ha parlato dell’obbligo di Green Pass spiegando che: “Va detto che per gli over 50 sui posti di lavoro l’obbligo del rafforzato dura fino a 15 giugno”.

E ancora: “Con il 31 marzo e la fine dello stato di emergenza inizierà una nuova fase, ci sarà l’allentamento graduale delle misure restrittive, tra cui certamente anche del Green Pass. Oggi ci sono le condizioni per non rinnovare lo stato di emergenza”.

Cosa succederà dopo la fine dello stato d’emergenza

Mentre diversi Paesi come Francia e Regno Unito sono già avviati verso un percorso di uscita totale da qualunque forma di restrizione anti-covid (nel Regno Unito ad esempio a breve non sarà più previsto l’isolamento in caso di positività), cosa succederà in Italia?

Al momento non è stato ancora definito un piano preciso il ministro della Salute Speranza ha invitato alla prudenza, avvisando che non sarebbe il caso ora di smantellare di colpo tutto l’impianto di regole.

Cosa sappiamo dunque, dallo scorso 11 febbraio è decaduto l’obbligo di mascherina all’aperto, a partire dal 1 aprile sarà mantenuto l’utilizzo del Green Pass per tutte le attività per le quali è richiesto oggi, tra le ipotesi c’è anche quello che vede il ritorno del tampone per le attività in cui è previsto il Super Green Pass per chi ancora non ce l’ha.

Al fine di agevolare la ripresa del turismo, il governo valuta di far decadere l’uso del Green Pass per tutte le attività all’aperto in cui era richiesto.

L’obbligo vaccinale per personale sanitario, scolastico e delle forze armate e dell’ordine rimarrà fino al 15 giugno, come l’obbligo di super Green Pass per tutti i lavoratori del settore pubblico e privato, autonomi e professionisti compresi.

Potrebbe interessarti