Spettacolo

Miguel Bosé svela dei dettagli shock della sua infanzia: “Cucito vivo dentro la carcassa di un cervo”

Miguel Bosé ha deciso di scrivere un libro autobiografico sulla sua infanzia. Alcuni dettagli del rapporto con il padre, Luis Miguel Dominguín, sono piuttosto sconvolgenti.
Miguel Bosé racconta la sua infanzia

Miguel Bosé, artista di fama mondiale e figlio d’arte, ha deciso di raccontarsi apertamente in un libro. Infatti, l’8 marzo, uscirà nelle librerie italiane un volume autobiografico del famoso artista. Il titolo del libro è “Il figlio di capitan Tuono“.

Il cantante ha già presentato il volume in Spagna e, in alcuni passaggi hanno destato molto stupore, in particolare, per quanto riguarda il rapporto con i suoi famosi genitori.

Miguel Bosé ha raccontato, nel suo libro, la sua infanzia e il rapporto coi genitori Luis Miguel Dominguín e Lucia Bosé, come riportato da Il Fatto Quotidiano.

L’infanzia di Miguel Bosé e la formazione messa al punto dal padre

Miguel Bosé è nato dalla relazione tra la bellissima Miss Italia Lucia Bosé e il famosissimo torero Luis Miguel Dominguín.

Nel suo libro, che verrà pubblicato in Italia a breve, il cantante racconta la sua infanzia con i due artisti e la rigida formazione voluta per lui dal padre.

Miguel Bosé ha utilizzato delle parole molto forti nei confronti dei genitori: “Due mostri… Reso l’infanzia un inferno”. Il padre, in particolare, aveva delle importanti aspettative nei confronti del figlio: “Diventa fr***o… Per essere alla sua altezza avrei dovuto imparare a sparare col fucile, a fare l’amore e a fumare prima di 13 anni”.

Un particolare rito di crescita, organizzato per lui in Mozambico dal padre, è stato incluso nel racconto autobiografico: “Mi hanno cucito vivo dentro la carcassa di un cervo. L’hanno svuotato dalle viscere, poi mi hanno lasciato là dentro… Per aumentare la scarsa carica di testosterone… Sono svenuto: per la claustrofobia, per la mancanza d’aria, per la brutalità del gesto”. Il famoso torero organizzò anche un incontro con una ragazza: “Dopo avermela offerta se la prese lui, mentre io ascoltavo terrorizzato le urla di lei rannicchiato intorno al fuoco da campo“.

Miguel Bosé e il rapporto con Pablo Picasso

Miguel Bosé ha raccontato in un libro la sua infanzia.

L’artista si è concentrato, soprattutto, sul difficile rapporto con il padre.

Ma, il cantante ha descritto anche l’amore dei genitori: “Mio padre e mia madre si sono amati di una passione brutale in una Spagna popolata di personaggi che hanno fatto e disfatto il ventesimo secolo. Il mio libro non è un regolamento di conti contro di loro, ma un esercizio di comprensione. L’ho scritto in modo romanzato, direi cinematografico”.

Un aneddoto riguarda anche Pablo Picasso, che gli regalò: “Il primo vestito da ballo… Alla recita di fine anno mi feci la pipì sotto, perché ero vestito da nuvola e mi vergognavo.

Picasso venne da me e mi disse: sei il più bravo di tutti, sei l’unica nuvola che ha fatto piovere”.

Potrebbe interessarti