Vai al contenuto

Poste Italiane potrebbe aumentare le tariffe per raccomandate e pacchi: le nuove cifre per le spedizioni

Pubblicato: 24/03/2022 07:33

L’aumento dei costi della materie prime sta colpendo tutti i settori, nessuno escluso. A rimetterci le spese alla fine sono sempre i cittadini che si vedono aumentare i costi di beni e servizi anche di prima necessità. E ben presto anche inviare una raccomandata o un pacco con Poste Italiane potrebbe costare di più.

Sarebbe intenzione di Poste Italiane, infatti, aumentare le tariffe di alcuni suoi servizi ad uso comune come l’invio di raccomandate o di consegna pacchi. L’azienda italiana avrebbe già richiesto all’autorità competente in materia, quella delle comunicazioni, di autorizzare l’aumento tariffario.

La richiesta è datata dicembre 2021, ma in questi giorni si sta decidendo se autorizzare o meno la modifica tariffaria. E il lascia passare pare sia molto probabile per la maggior parte delle variazioni proposte. Questo almeno è quanto emerge dalla consultazione dell’AGCOM resa pubblica e che ritiene giustificati gli aumenti per diversi servizi.

Quelli che sono in sentore di aumento sono:

Posta 4 Retail, Posta 4 Pro, Postamail internazionale, Raccomandata Retail, Raccomandata Pro, Avviso di ricevimento Retail, business ed internazionale, servizio di consegna pacchi, Poste Delivery Standard, servizi di notifica a mezzo posta, Posta Massiva e Raccomandata Smart.

Nuove tariffe Poste Italiane

Prendendo in esempio il servizio raccomandate che è uno dei più usati dagli italiani con ricevuta di ritorno o meno, l’aumento sarà via via più sentito man mano che aumenta il peso del plico. Vediamo quanto:

  • fino a 20 grammi: da 5,40 a 5,60;
  • da 20 a 50 grammi: da 6,95 a 7,20;
  • da 50 a 100 grammi: da 7,45 a 7,75;
  • da 100 a 250 grammi: da 8,05 a 8,35;
  • da 250 a 350 grammi: da 9 a 9,35;
  • da 350 a 1000 grammi: da 11,05 a 11,45;
  • da 1000 a 2000 grammi: da 14,75 a 15,30.

Aumento leggermente più alto per le raccomandate con ricevuta di ritorno. Ecco quanto:

  • fino a 20 grammi: da 6,50 a 6,80;
  • da 20 a 50 grammi: da 8,05 a 8,40;
  • da 50 a 100 grammi: da 8,55 a 8,95;
  • da 100 a 250 grammi: da 9,15 a 9,55;
  • da 250 a 350 grammi: da 10,10 a 10,55;
  • da 350 a 1000 grammi: da 12,15 a 12,65;
  • da 1000 a 2000 grammi: da 15,85 a 16,50.

Per gli altri servizi non va molto meglio con aumenti a partire da 20 centesimi fino a cifre più alte in base al peso.

Ecco perché Poste Italiane ha aumentato le tariffe

Come ha giustificato Poste Italiane tali richieste di aumenti? Parlando di forte calo del volume di spedizioni . Nell’epoca moderna fatta di email certificate e nuovi mezzi di comunicazione, i servizi postali classici come appunto può essere l’invio di una raccomandata, hanno subito un brusco calo di utilizzo. Si riducono i fruitori ma i costi restano alti, soprattutto in questo periodo storico dove il costo del carburante è elevato. Per questo secondo Poste Italiane l’aumento seppur minimo era diventato indispensabile.

A febbraio 2020 e a luglio 2021 l’AGCOM aveva già bocciato due richieste di Poste Italiane volte ad aumentare le delle tariffe a causa della pandemia. Si era voluto evitare un maggiore peso nelle tasche degli italiani in un particolare periodo storico di maggiore convivenza con il virus.

Ora invece il via libera è quasi certo così come sta accadendo anche in altri paesi europei. In Belgio, Germania, Lettonia, Lituania, Svezia è già avvenuto l’aumento delle tariffe. In Francia dovrebbero essere riviste il prossimo anno.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 24/03/2022 18:36