Fintech

Il PetrolBitcoin potrebbe superare il PetrolDollaro? Cos’è e come può vincere contro il dollaro

Il Bitcoin ha continuato a salire durante lo scorso fine settimana, raggiungendo circa 47.600 dollari. Nel frattempo la moda strizza l’occhio alla finanza digitale che resta fondamentale anche nel campo della sostenibilità.
Il PetrolBitcoin potrebbe superare il PetrolDollaro? Cos’è e come può vincere contro il dollaro

Dopo il clamore che circonda il piano di accumulo di Bitcoin da 3 miliardi di dollari di Do Kwon, l’asset digital più noto al Mondo ha continuato la sua salita, superando quota 45.000 dollari negli ultimi giorni. Oltre alle notizie su Do Kwon, c’è altro ad aver spinto il valore del Bitcoin.

PetroBitcoin: cos’è e come può vincere contro il dollaro

Oltre alla spinta rialzista causata dall’utilizzo di Bitcoin come risorsa di riserva di stablecoin, ora si parla di un PetrolBitcoin invece di un PetrolDollar, aggiungendo un’altra narrativa all’asset. Questo perché la Russia sta valutando la possibilità di accettare Bitcoin come pagamento per le sue esportazioni di petrolio e gas dopo aver dovuto affrontare sanzioni imposte dalle principali Nazioni dell’Occidente a seguito dell’attacco all’Ucraina.

Il presidente della commissione per l’energia della Duma – il Parlamento russo – ha affermato in una videoconferenza che quando si tratta di Paesi “amici” come la Cina o la Turchia, la Russia è disposta a essere più flessibile con le opzioni di pagamento. Pertanto, stanno considerando la valuta fiat nazionale dell’acquirente, oltre al Bitcoin, come modi alternativi per pagare le esportazioni di energia della Russia.

Secondo diversi analisti, questo dimostra la “malleabilità ideologica” del Bitcoin, come dice l’esperto Will Clemente. Questa è l’idea che si adatta a molte narrazioni, rendendole inarrestabili.

Chi si è interessato della questione tra i big dell’oil

Il gigante del gas Exxon Mobil sta ora conducendo un programma di “gas to Bitcoin mining” in America, ovvero un piano che sfrutta il gas in eccesso per alimentare le macchine di estrazione di Bitcoin. Ciò porta a un inquinamento significativamente inferiore: “18 milioni di piedi cubi di gas al mese che altrimenti sarebbero stati bruciati perché non ci sono abbastanza gasdotti”, secondo le stime della blue chip dell’oil.

Anche il fatto che la quarta compagnia petrolifera più grande del Mondo stia integrando Bitcoin nelle sue operazioni è un segnale molto rialzista.

Ancora più importante, tuttavia, è il fatto questa integrazione consente di creare Bitcoin in un modo più rispettoso dell’ambiente, il che è una delle principali preoccupazioni per le istituzioni. Presto, molte società di gestione degli investimenti non avranno altra scelta che avere un’allocazione per l’asset, motivo per cui la capitalizzazione di mercato di 840 miliardi sembra così sottovalutata a molti analisti, esperti e osservatori del mercato delle cryptovalute.

La questione della sostenibilità ancora centrale nel mondo crypto

Uno dei motivi per cui Elon Musk è stato criticato nel recente passato è legato alla sostenibilità del mondo crypto: per minare un Bitcoin, ad esempio, servono ingenti quantità di energia elettrica, a scapito dell’ambiente. Qualcosa, però, è cambiato. La rete Bitcoin sta diventando più verde.

Nel quarto trimestre del 2021, la quota di energia sostenibile utilizzata dall’industria del mining di BTC è salita al 58,5%. Tuttavia, consuma ancora una notevole quantità di energia, con un consumo di elettricità superiore a quello di alcuni Paesi.

Secondo i dati di Block-Builders.de, però, i “pesi massimi” del settore sono determinati a ridurre ulteriormente la propria impronta di CO₂.

Questi sforzi non devono essere respinti: il consumo di risorse non solo pone potenziali problemi per il pianeta ma rappresenta anche un rischio aziendale per l’industria, secondo gli esperti.

Ci sono diversi approcci a questo dibattito. Ad esempio, Tyler Winklevoss sottolinea che computer e smartphone hanno un’impronta di CO₂ molto maggiore rispetto alle macchine da scrivere e ai telegrafi e che le società devono accettare compromessi di fronte a tecnologie rivoluzionarie.

Allo stesso tempo, il CEO di Twitter, Jack Dorsey, è convinto che il Bitcoin possa contribuire alla lotta ai cambiamenti climatici, soprattutto perché l’industria promuove maggiori investimenti nelle energie rinnovabili.

Le stime del fabbisogno energetico di Bitcoin variano ampiamente. Secondo recenti report, la rete Bitcoin consuma realisticamente circa 188 TWh all’anno. A livello globale, si stima che le luci di Natale consumino circa 201 TWh. Mentre confrontare il consumo di elettricità di una cryptovaluta con quello dell’illuminazione festiva significa confrontare le mele con le arance, tali confronti rivelano esattamente quale prezzo ecologico una società è disposta o non disposta a pagare per varie cose.

Anche la moda strizza l’occhio alla finanza digitale

Durante la Metaverse Fashion Week, che si è tenuta due settimane fa a Decentraland, Tommy Hilfiger ha presentato le sue collezioni per le stagioni calde del 2022, che rappresentano “l’attenzione del marchio sull’innovazione digitale e sull’esplorazione di nuovi canali di consumo“. All’evento hanno partecipato anche Dolce & Gabbana, Selfridges, Jacob & Co, Franck Muller, Garrett Leight, Cavalli e The Fabricant.

Perché ci interessa? Perché Tommy Hilfiger ha annunciato di aver stretto una partnership con Boson Portal, un market presente sul metaverso.

Il token BOSON è aumentato di oltre il 50% dopo l’annuncio della partnership. Un negozio Tommy Hilfiger sarà situato all’interno del Portale Boson, dove gli articoli potranno essere acquistati come NFT e, quindi, i proprietari possono riscattare gli NFT per “prodotti fisici consegnati direttamente alla porta dei clienti.

Boson ha spiegato: “I consumatori possono teletrasportare il proprio avatar nel negozio virtuale e acquistare una gamma selezionata di prodotti in edizione limitata della collezione Tommy Hilfiger della primavera 2022, incontreranno rendering 3D fluttuanti di stili distintivi, tra cui la giacca varsity da uomo, la camicia madras da donna e una felpa con cappuccio unisex con l’iconico logo Tommy Hilfiger“.

Per gli analisti, il salto di Tommy Hilfiger nel metaverso fornisce la prova del caso d’uso che il metaverso a sua volta fornisce ai rivenditori poiché sono in grado di accedere a più consumatori nel mondo digitale.

L’analisi tecnica

Il Bitcoin ha continuato a salire durante lo scorso fine settimana, raggiungendo circa 47.600 dollari. Le metriche on-chain del Bitcoin, che hanno mostrato che i detentori a lungo termine hanno accumulato asset negli ultimi mesi, si stanno finalmente rivelando accurate.

Con tutti i venti contrari macroeconomici scontati a breve termine, stiamo assistendo a un sollievo tanto atteso. L’indice Crypto Fear and Greed ha raggiunto il livello 60, classificato come Greed: l’ultima volta che ha raggiunto questo livello, un Bitcoin valeva circa 60.000 dollari. Ora, il Bitcoin sta affrontando una forte resistenza ma, se riesce a mantenersi al di sopra del livello di 46.000 dollari per diversi giorni, che indica all’incirca il massimo annuale, è possibile aspettarsi un passaggio a 52.000 dollari, che è la prossima resistenza chiave.

Negli utlimi giorni, il Bitcoin ha chiuso al di sopra dello short term holder cost basis – a circa 46.000 dollari – per la prima volta da mesi. È chiaro che 46.000 dollari rappresenta sono un perno chiave per la direzione a breve termine del mercato.

Potrebbe interessarti