Vai al contenuto

Raimondo Vianello e Sandra Mondaini: la storia d’amore della più famosa coppia della tv italiana

Pubblicato: 15/04/2022 09:14

Raimondo Vianello e Sandra Mondaini hanno formato una delle coppie più brillanti e affiatate dello spettacolo italiano. La loro vita privata si è fusa con quella professionale e la loro complicità ha fatto ridere e innamorare gli italiani, soprattutto con le gag della sitcom “Casa Vianello”. A 12 anni di distanza dalla scomparsa di Raimondo, ecco ripercorsa la loro storia d’amore.

Raimondo Vianello e Sandra Mondaini: come è iniziata la loro storia d’amore

Il primo incontro tra Sandra Mondaini e di Raimondo Vianello non fu molto significativo. Erano stati scritturati tutti e due per la commedia-parodia “Sayonara Butterfly”, ma in quel periodo erano entrambi impegnati, lei con un produttore e lui con una ballerina. Dovendo però condividere lo stesso ambiente e lavorare insieme, la scintilla non aspettò troppo a scattare. Fu lui a fare il primo passo ed a esternare i suoi sentimenti alla dama. Durante una cena, riporta l’aneddoto, si rivolse a Sandra per dirle: “Ma lo sai che mi sono innamorato di te?” . La risposta secca di Sandra fu: “Su certe cose non si scherza”.  Se quindi in un primo momento le cose non sembrarono andare bene, poco dopo lasciarono i rispettivi fidanzati e quando si rividero e scoprirono di essere liberi, si misero insieme.

Dopo il loro fidanzamento, si dedicarono completamente al lavoro al punto di rimandare sempre le nozze. Nel 1962, finalmente Sandra e Raimondo si sposarono e non si lasciarono mai più. Non ebbero mai figli ma decisero di adottare un’intera famiglia filippina, alla quale hanno poi lasciato tutto. Sono morti a 5 mesi di distanza l’uno dall’altra: prima Raimondo il 15 aprile 2010, per problemi ai reni; poi lei, il 21 settembre dello stesso anno, per insufficienza respiratoria.

Sandra e Raimondo: i loro successi nella televisione italiana

Sandra e Raimondo iniziano a registrare insieme programmi per la Rai. La coppia portò in scena negli anni Settanta il varietà, come Sai che ti dico?, Tante scuseNoi… no!, Io e la Befana, Stasera niente di nuovo. Dal 1982 entrano a far parte di Fininvest, portando il varietà anche sulle reti di Silvio Berlusconi. Da Attenti a quei dueZig Zag fino a Sandra e Raimondo Showper finire in bellezza nel 1988 su Canale 5 con la sit-com Casa Vianello, che fa la storia della tv. Lo stesso indimenticabile show è diventato poi un vero e proprio format proposto anche in Cascina Vianello , I misteri di Cascina Vianello Crociera Vianello.

Casa Vianello, il celebre show di Sandra e Raimondo

Casa Vianello è diventato negli anni un must della televisione italiana. Un capolavoro della coppia comica trasmesso sulle reti Mediaset dal 1988 al 2007.  È composta da 16 stagioni per un totale di 338 episodi (25 min a episodio), ambientata nell’immaginario appartamento dei coniugi Sandra Mondaini e Raimondo Vianello. Lei sempre snella e peperina, con lunghi boa di struzzo al collo, lui dall’aspetto e l’aplomb british, diventarono figure unichea e iconiche.

I due raccontavano in modo scherzoso e esagerato la loro quotidianità. Raimondo burbero, schivo e attratto dalle donne e Sandra piena di iniziative che spesso sfociavano nella mania. Dal terzo episodio compare la tata, interpretata da Giorgia Trasselli. Il suo personaggio è caratterizzato dall’ingenuità, ma è anche una figura molto pettegola e impicciona. Sarà la principale alleata di Sandra nei battibecchi con il marito. Raimondo la considerava uno dei principali ostacoli per le sui inclinazioni libertine. La licenziò più volte per poi riassumerla grazie ai richiami della moglie.

Ogni puntata si conclude con la stessa inquadratura: i due attori a letto, Raimondo legge la Gazzetta e Sandra si lamenta della routine coniugale scalciando sotto le coperte. Il tutto accompagnato da una frase diventata ormai iconica:  “Che noia, che barba, che noia!“. Da dicembre 2021 è possibile rivedere in streaming questa sit-com entrata nella storia della televisione italiana.

Continua a leggere su TheSocialPost.it