Vai al contenuto

Investe 5 pedoni in retromarcia a Largo Argentina, Roma: abbattuta la recinzione dell’area archeologica

Pubblicato: 29/04/2022 19:52

Un incidente stradale ha coinvolto 5 pedoni nel primo pomeriggio di oggi a Largo Argentina, Roma, dove un uomo di 80 anni affetto da disabilità ha perso il controllo dell’auto che guidava durante la retromarcia. La Mercedes sarebbe scattata verso il marciapiede, dove in quel momento passavano diverse persone, arrivando poi a sfondare la recinzione dell’area archeologica della piazza romana. Non ci sono feriti gravi, i pedoni sono stati soccorsi e portati in ospedale per accertamenti, mentre la moglie dell’uomo, sbalzata dall’auto con lo sportello aperto, non avrebbe necessitato il trasporto al Pronto Soccorso.
Leggi anche: Trovato il vino più antico della storia: ancora liquido dopo 2mila anni

Largo Argentina, perde il controllo dell’auto e investe 5 pedoni

Momenti di paura in via Florida, in zona Largo Argentina, dove nel pomeriggio di oggi un 80enne ha perso il controllo della sua auto finendo in retromarcia sul marciapiede. Secondo le prime ricostruzioni, l’80enne, affetto da disabilità, avrebbe scambiato il pedale dell’acceleratore della Mercedes di cui era alla guida, dove era presente anche la moglie, anche lei 80enne.

Perso il controllo dell’auto durante la manovra di retromarcia, è finito sul marciapiede, dove in quel momento stavano transitando 5 persone. I pedoni sono stati colpiti dall’auto, e 4 di loro sarebbero feriti in maniera non grave. La Mercedes è arrivata poi contro la recinzione dell’area archeologica di Torre Argentina, abbattuta dall’impatto con la Mercedes.

L’intervento dei soccorsi e la verifica dei danni all’area archeologica

Sul posto sono immediatamente arrivati gli agenti della Polizia di Roma Capitale e i soccorsi del 118. Lievemente ferita la moglie del guidatore, che sarebbe scivolata dallo sportello aperto dell’auto e trascinata per qualche metro, ma non ha necessitato il trasporto in ospedale, come invece 4 dei cinque pedoni, visitati per accertamenti in codice giallo e azzurro. Non ci sono feriti gravi, mentre è poi arrivata a Largo Argentina la Sovrintendenza ai Beni Culturali per valutare i danni all’area archeologica.

Continua a leggere su TheSocialPost.it