Gossip

Selvaggia Roma, bomba contro le adozioni gay: “Non bisogna imporgli queste figure”, Tommaso Zorzi esplode

L'influencer Selvaggia Roma ha deciso di esporsi sul dibattuto tema delle adozioni gay ed il conduttore Tommaso Zorzi ha risposto con grande indignazione (e provocazione).
Selvaggia Roma, bomba contro le adozioni gay: "Non bisogna imporgli queste figure", Tommaso Zorzi esplode

Selvaggia Roma, attualmente incinta del suo primo figlio insieme al compagno Luca Teti, ha deciso di esporre al mondo (o quantomeno al popolo dei social) il suo personale pensiero sulle adozioni gay. La sua visione sull’argomento non ha però riscosso grandi consensi e, trattandosi di una posizione che espone inevitabilmente il fianco a critiche, di queste ultime ne ha ricevute parecchie. In particolare contro di lei e le sue parole si è espresso Tommaso Zorzi, che non ha usato mezze misure per spiegare come la pensa.

Per Selvaggia Roma, incinta di diversi mesi, i gay non dovrebbero avere la possibilità di adottare e, per validare la sua opinione, dice di avere amici gay che la pensano come me”.

Per approfondire, dice: ”Mi sento in dovere di dire che un bambino debba avere due figure come una mamma e un papà. Credo che non bisogna imporgli queste figure”. Dopodiché, sempre a suffragare la sua tesi, Selvaggia Roma fa delle dichiarazioni dal vago retrogusto biblico il suo senso è, in effetti, criptico come il deuteronomio: “Crescete e moltiplicatevi dicevano. Quando cresceranno poi saranno loro a decidere se moltiplicarsi o fermarsi e amare il proprio sesso”.

Tommaso Zorzi: “Vado fuori di testa”

Tommaso forzi, nelle storie di Instagram, ha voluto ribattere a quanto detto esprimendo la sua indignazione, anche e soprattutto per via del fatto che l’argomento risulta essere centrale e molto importante nel dibattito elettorale: “Le coppie omogenitoriali adottano bambini che una mamma e un papà non hanno voluto o potuto tenere.

Dunque le figure mamma e papà non mi pare siano sinonimo di bravi genitori. E aggiungo che se io volessi adottare un figlio dovrei sottopormi a numerosi esami di idoneità e dovrei inoltre spendere centinaia di migliaia di euro. Se io sono disposto a combattere con la burocrazia per anni e a spendere cifre folli, significa che  io quel figlio lo voglio con tutto me stesso, voglio coprirlo d’amore (…) Non posso sentir dire che un figlio deve avere una mamma e un papà, se poi quella mamma e quel papà lo lasciano in orfanotrofio.

Vado fuori di testa”.

Tommaso Zorzi contro il comico Andrea Pucci: “Come fai ad arrogarti il diritto di dire che lo prendo in c**o?”

Zorzi poi continua facendo l’esempio di altri Paesi in cui le adozioni gay sono permesse da decenni: ”Ci sono alcuni Paesi nel mondo dove alcuni gay non sono solo genitori, anche nonni.

Non mi sembra che queste persone abbiano cresciuto generazioni di debosciati”.

Selvaggia Roma e la libertà di pensiero

Selvaggia Roma, che si è trovata al centro del ciclone e a quanto pare non se lo aspettava affatto, ha risposto alle critiche dicendo di aver semplicemente espresso la sua opinione (in modo pubblico, davanti un milione di follower) e che davvero non si aspettava che la comunità LGBTQI+ e chiunque difenda i suoi diritti potessero prenderla a male. Addirittura, Selvaggia Roma decide di rispondere a tutti coloro che hanno dato contro alle sue parole portando all’attenzione del pubblico UN commento di UN suo amico che la difende. “Quando avete un pensiero dovete esprimerlo sempre, ovviamente senza offendere nessuno, non seguite la massa” conclude poi Selvaggia Roma, ergendosi a paladina della libertà di pensiero.

Potrebbe interessarti