Gossip

Micol Incorvaia canta Faccetta Nera al GF Vip, i fan del programma chiedono la squalifica: “Apologia di fascismo è reato”

Micol Incorvaia potrebbe vivere la stessa sorte della sorella ed essere squalificata: in un momento di relax in casa, per motivi decisamente non chiari, ha deciso di cantare la nota canzone legata al fascismo.
Micol Incorvaia canta Faccetta Nera al GF Vip, i fan del programma chiedono la squalifica: "Apologia di fascismo è reato"

Micol è stata ripresa dalle telecamere prima della puntata serale, mentre si preparava e truccava. In quel momento, per qualche ragione,  stavo si è messa a canticchiare Faccetta Nera, la canzone scritta da Renato Michele e composta nel 1935 come parte della propaganda fascista. La circostanza potrebbe avere grosse conseguenze perché l’esaltazione della dittatura fascista è un reato che comporta pene severe, soprattutto se l’apologia compare sulla stampa. Trattandosi di un programma televisivo, uno dei più popolari della sua fascia oraria, le azioni del programma nei confronti del concorrente saranno probabilmente severe.

Sono fioccati molti post che hanno chiesto provvedimenti: “Chiediamo la squalifica per Micol Incorvaia che canta Faccetta Nera, un Inno al Fascismo, la piú brutta Pagina della storia Italiana. Un bruttissimo messaggio per milioni di Telespettatori. Ricordiamo che in Italia l´apologia di Fascismo é REATO”.

Faccetta Nera, tutto sulle origini della canzone cantata da Micol Incorvaia

Al Festival della canzone romana del 1935, Renato Micheli, venuto a conoscenza di questi eventi, compose una composizione in dialetto romanesco per protestare contro il colonialismo italiano in Africa orientale, elogiando l’attività “civilizzatrice” di Roma facendo riferimento alla pratica del madamato, in cui le donne etiopi venivano abusate sessualmente dai militari italiani.

Non avendo avuto successo al Festival, la canzone fu successivamente rielaborata dal maestro Mario Ruccione e cantata al Teatro Capranica da Carlo Buti. Il cinema-teatro Quattro Fontane di Roma interpreta Faccetta nera. Carlo Buti, interprete di spicco, la canta. Faccetta nera è interpretata dalla compagnia Fougez al cinema-teatro Quattro Fontane. Quando appare in scena una giovane donna incatenata e arriva Fougez nelle vesti dell’Italia, che la libera e le impone di indossare una camicia nera, appare in scena una giovane donna nera.

Potrebbe interessarti