Gossip

La figlia di Giampiero Galeazzi durissima con Mara Venier: cosa fece la conduttrice subito dopo la morte del giornalista

Mara Venier e Giampiero Galeazzi avevano un rapporto molto solido, sia di amicizia che di lavoro: per questo sconvolge sapere cosa accadde subito dopo la morte di lui.
Mara Venier, chi sono i figli della conduttrice di Domenica In: Elisabetta Ferracini e Paolo Capponi

In un’intervista a Diva e Donna, Susanna Galeazzi – figlia del giornalista e dello sportivo Giampiero Galeazzi – ha elogiato Domenica In come fonte di ispirazione per Mara Venier, citazione che la stessa Mara Venier ha voluto dedicare a Domenica In. A questo proposito, la conduttrice del telegiornale ha criticato aspramente alcuni comportamenti di Mara Venier, criticando per alcuni aspetti il comportamento di Mara Venier dopo la sua morte.

Giampiero Galeazzi è morto un anno fa circa, a 75 anni, per via di alcune complicanze dovute al diabete. In un’intervista a Diva e Donna la figlia del giornalista scomparso ha parlato di come sia rimasta delusa e ferita dal comportamento di Mara Venier subito dopo il decesso: “La cosa più triste?

 Mio padre adorava Mara Venier. Ho avuto il dubbio e ce l’ho tuttora se lei gli abbia veramente voluto bene. Il giorno dopo la sua morte ha fatto una trasmissione da vedova sconsolata invitando a parlare di mio padre Marino Bartoletti che doveva presentare un suo libro e altri che non erano esattamente suoi amici. Nessun riferimento alla famiglia da parte di Mara”.

Mara Venier, bomba su Renzo Arbore: “La prima notte che dormii da lui…”, ricordo imbarazzante

La famiglia non avrebbe ricevuto alcuna vicinanza da parte della conduttrice: “Nessun messaggio di condoglianze, nemmeno a mia madre.

Mio padre sarebbe rimasto molto sorpreso e amareggiato”.

A non piacere molto alla Galeazzi, anche il trattamento riservato al padre ancora in vita quando conduceva Domenica In con la Venier: “In alcuni casi era imbarazzante. Già come carattere era fuori dalle righe, vederlo mascherato da Topolino o da sparviero, vederlo ballare come un orso. Glielo dicevamo con discrezione che forse non era il caso, ma non ne ha mai tenuto conto”.

Potrebbe interessarti