Vai al contenuto

Terremoto in Emilia-Romagna, due scosse una dopo l’altra

Pubblicato: 13/10/2023 10:05

Un’altra forte scossa di terremoto registrata in Italia. Stavolta la terra ha tremato in provincia di Piacenza, in Emilia-Romagna, con epicentro nel territorio del Comune di Vigolzone, nella Val Nure. Nella mattinata di venerdì 13 ottobre, intorno alle 7, l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) ha registrato una scossa di magnitudo 3.5. A una profondità di 22 km.
Leggi anche: Afghanistan, nuovo forte terremoto: feriti e case distrutte

terremoto Piacenza Vigolzone magnitudo

Terremoto di magnitudo 3.5 a Vigolzone in provincia di Piacenza

Il terremoto che questa mattina ha avuto come epicentro Vigolzone, è stato avvertito distintamente anche in altri Comuni della provincia di Piacenza, come ad esempio Salsomaggiore, Pontenure, Gropparello e Niviano. Alla prima scossa ne è seguita poco dopo un’altra di magnitudo 2.5, con epicentro poco distante dalla prima scossa a quattro chilometri da San Giorgio Piacentino.

La terza scossa, di magnitudo 2.7, si è poi verificata alle 7.42 di nuovo a Vigolzone, stavolta ad una profondità di 23,6 chilometri. Infine, una quarta scossa di terremoto, di magnitudo 2.9, ha avuto luogo alle 8.17 sempre nel territorio di San Giorgio Piacentino. Per fortuna al momento non sono stati segnalati danni a cose o persone. Ma la provincia di Piacenza resta in allarme.

Sempre durante la mattinata di oggi, inoltre, alle ore 5.55 l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha registrato una lieve scossa di magnitudo 2.2 anche nella zona di Calestano, in provincia di Parma. Questa stessa zona tra domenica e lunedì era stata già colpita da uno sciame sismico con scosse di magnitudo compresa tra 2 e 2.7. L’ultima scossa si era verificata il 9 ottobre alle 14.39 con epicentro a Grazzano Visconti e con magnitudo 2.4 alla profondità di 26 km.
Leggi anche: Terremoto in Afghanistan: il bilancio delle vittime si avvicina a 3.000