Vai al contenuto

Il fratello killer di Alice Scagni aggredito in carcere da tre detenuti: “Assalto brutale”

Pubblicato: 23/11/2023 11:45
Alberto Scagni aggredito carcere

Ennesima aggressione in carcere contro Alberto Scagni. L’uomo è stato condannato ad una pena di 24 anni e sei mesi di reclusione per aver ucciso la sorella Alice Scagni. Il detenuto aggredito si trova ora ricoverato in ospedale dopo essere stato sequestrato, minacciato di morte e pestato brutalmente da tre suoi compagni di cella nel carcere di Sanremo. La prima aggressione era avvenuta nel penitenziario di Marassi a Genova.
Leggi anche: Medico di base arrestato per violenza sessuale su paziente incinta: e non è l’unica

Alberto Scagni aggredito in carcere: il racconto

A denunciare l’aggressione ai danni di Alberto Scagni è stato Fabio Pagani, segretario regionale Uil polizia penitenziaria Liguria. Pagani parla del detenuto “noto alle cronache e di recente trasferito a Sanremo, brutalmente aggredito in cella dai suoi coincellini (totali presenti in camera quattro), sequestrato e minacciato di morte, probabile per reati da lui commessi”.

Il sindacalista racconta di una “trattativa durata ore. Solo l’arrivo del magistrato di turno e del direttore, che hanno disposto l’ingresso in cella della polizia penitenziaria, con utilizzo della forza per salvare il detenuto aggredito brutalmente e sequestrato, hanno evitato morte certa (tentato omicidio)”.

Dopo l’intervento dei poliziotti, due detenuti maghrebini sono stati arrestati per tentato omicidio e sequestro di persona. Alberto Scagni non si troverebbe in pericolo di vita. Pagani denuncia “la perdurante emergenza penitenziaria. Sotto gli occhi di tutti tranne che del ministro della Giustizia, Carlo Nordio, e del governo Meloni, fatta di sovraffollamento detentivo, insufficienza degli organici del personale, inadeguatezza di tecnologie ed equipaggiamenti e disorganizzazione imperante. Tutti elementi questi, particolarmente evidenti a Sanremo”.
Leggi anche: 13enne abusata dall’allenatore di calcio: “Stai zitta o finisco in carcere”

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 23/11/2023 13:41