Vai al contenuto

12enne abusata dal babysitter: il racconto shock dei genitori. “Cosa ha fatto quel mostro alla nostra bambina” 

Pubblicato: 30/11/2023 12:13

Video porno al posto dei cartoni animati. Poi gli sfioramenti, fino al tentativo di infilarsi a letto con una 12enne. E’ orribile la storia di abusi di cui è stata vittima una ragazzina di 12 anni che, per le violenze subite, ha iniziato a compiere atti di autolesionismo. Alla sbarra per violenza sessuale su minore è un maestro di salsa di 50 anni, che si era reinventato babysitter.
Leggi anche: Insegnante trovata morta nella vasca tra i surgelati: ipotesi violenza domestica
Leggi anche: Donna si sveglia nuda in un ristorante chiuso a chiave, si indaga per violenza sessuale

Una terribile storia di abusi iniziata nel 2017

La storia, come riporta Repubblica, una sequenza terribile di proposte e inviti sempre più espliciti, inizia nel 2017. L’imputato è un amico della madre della vittima. I due si conoscono e lui è spesso in casa della bambina e delle due sorelle maggiori. Il 50enne si offre di badare a loro quando la mamma non è in casa: ha la piena fiducia della famiglia. In estate aiuta a montare la piscina gonfiabile, quando c’è bisogno di un paio di ore di presenza in casa non si tira mai indietro. E così inizia a mettere in atto il suo piano.


Prima atteggiamenti allusivi, poi vere e proprie molestie condite da proposte indecenti via whatsapp alla giovanissima vittima. A raccontarlo in aula è stata la madre, mentre l’ex marito e papà delle bambine è stato sentito come testimone. È stato lui a raccogliere lo sfogo della 12enne durante una cena: “Era triste, era silenziosa”.
Era appena accaduto l’episodio peggiore: l’uomo si era intrufolato nel letto a castello della piccola, che a fatica era riuscita a difendersi prendendolo a calci e facendolo cadere. In casa c’era anche la babysitter – quella vera – che allarmata cercava di far andare via in tutti i modi il 50enne.
Prima di quella notte, c’erano stati i video. Porno somministrati dall’uomo alla bambina. “Abbiamo dovuto portare nostra figlia dallo psicologo, aveva iniziato ad autolesionarsi”. Tagliandosi le braccia per troppo il malessere per quanto subito dal mostro.