Vai al contenuto

Tir blocca furgone portavalori in autostrada, paura e spari: A4 chiusa

Pubblicato: 04/12/2023 10:50

Stamattina alle 6.30 circa è avvenuto un tentativo di rapina ad un furgone portavalori diretto verso Torino, sull’A4 all’altezza di Novara. Un automezzo ha cercato di bloccare le corsie e quindi la corsa del furgone portavalori, per poi avventarcisi sopra. Fortunatamente la prontezza di riflessi ed il sangue freddo del guidatore del furgone hanno impedito il blocco, che avrebbe potuto mettere a rischio non solo il portavalori stesso ma anche altre auto. I rapinatori hanno cercato di bloccare il mezzo anche sparando. Al momento La A4 è ancora chiusa in entrambi i sensi: in direzione Milano tra A26 Biandrate (Novara) e Marcallo Mesero. e in direzione Torino tra Marcallo Mesero (Milano) e Novara Est.
Leggi anche: Assalto armato a un furgone portavalori sulla statale tra Brindisi e Lecce: auto bruciate e paura tra gli automobilisti

I rapinatori in fuga dopo il tentativo di rapina

Una scena da film. All’improvviso un enorme automezzo ha tentato, invadendo tutte le corsie dell’A4 Torino-Milano, di bloccare la corsa di un furgone portavalori. Questo, capendo immediatamente le intenzioni del tir, ha fatto una manovra di dribblignche ha spiazzato l’automezzo, ed è riuscito a svicolare. Mentre continuava la sua corsa, il conducente è riuscito a chiedere soccorso e ad informare le autorità del tentativo di rapina: al contempo il tir ha cercato di rimettersi in moto a sua volta, ed i malviventi sono in fuga. La scena ha Hollywood è costata ai presenti al volante, che si sono ritrovati in mezzo a code. La polizia stradale è sulle tracce del mezzo.

Assalto a un portavalori a Ogliastra: spari dalle auto

Questa mattina è avvenuto un assalto ad un portavalori anche ad Ogliastra, sulla statale 125: vicino al bivio per Tertenia dei malviventi hanno esploso dei colpi di arma da fuoco. Alcune auto sono state incendiate e sulla statale si è alzata una colonna di fumo: al momento comunque non ci sarebbero feriti.

Continua a leggere su TheSocialPost.it