Vai al contenuto

Guida contromano sulla statale, schianto mortale: “È stato inevitabile”

Pubblicato: 22/12/2023 18:52

Un uomo di 81 anni ha imboccato per errore la statale contromano ed è morto sul colpo dopo essersi scontrato violentemente con un’altra auto.  Il terribile impatto è avvenuto all’altezza del Km 9+500, dopo il ponte di via vecchia Lizzanello.

È successo nel pomeriggio di giovedì 21 dicembre, poco dopo le 15, sulla statale 16, la strada che collega Lecce con Maglie, all’altezza della complanare per Cavallino.
Leggi anche: Incidente in Kenya, turista italiana muore poco dopo l’arrivo

Morto Giuliano Conte di 81 anni

A perdere la vita nel terribile incidente stradale è stato un pensionato di 81 anni, Giuliano Conte di Maglie, che alla guida della sua Fiat Panda sembra stesse percorrendo contromano la carreggiata.

Nello scontro frontale è stata coinvolta una Renault Clio, alla cui guida vi era E.C., una donna di 29 anni, residente a Santa Cesarea Terme, rimasta gravemente ferita e trasportata d’urgenza dall’ambulanza del 118 presso il pronto soccorso del Dea del “Vito Fazzi” di Lecce. Le sue condizioni sono critiche. La donna è stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico.   
Leggi anche: Federico perde il controllo dell’auto e si schianta a 22 anni: immagini spaventose

Sequestrate le due automobili per i vari accertamenti

Sul luogo dell’incidente, insieme al personale sanitario del 118, sono giunti anche i vigili del fuoco del comando provinciale, che si sono occupati di mettere in sicurezza la zona coadiuvati dal personale dell’Anas.
È intervenuta sul posto anche una pattuglia della polizia stradale per effettuare tutti gli accertamenti e i rilievi del caso.

La salma dell’anziano invece è stata trasportata alla camera mortuaria dell’ospedale leccese e messa a disposizione dell’autorità giudiziaria. Anche le due automobili guidate dalla vittima e dalla ragazza sono state poste sotto sequestro per ulteriori accertamenti.
Leggi anche: “Tutto in 24 ore”, Laura muore misteriosamente a soli 26 anni: il lutto dell’università