Vai al contenuto

Regionali, centrodestra ancora spaccato: ognuno per la sua strada

Pubblicato: 13/01/2024 07:50

Il partito sardo d’Azione, dopo una riunione di quattro ore, ha confermato il suo appoggio al governatore uscente Christian Solinas per le prossime elezioni regionali in Sardegna, nonostante le tensioni all’interno della coalizione di centrodestra. La decisione arriva in un momento di divisione, con Fratelli d’Italia (FdI) che spinge per Paolo Truzzu, sindaco di Cagliari e preferito dalla presidente del Consiglio Giorgia Meloni.

Antonio Moro, presidente del partito, ha affrontato la stampa dichiarando che non esiste al momento alcuna alternativa condivisa unitariamente dalla coalizione che giustifichi un cambio di candidatura. Questa dichiarazione segnala una netta divisione all’interno del centrodestra sardo, con i leghisti già scettici su possibili cambiamenti.

Paolo Truzzu, nonostante il sostegno di FdI, procede in solitaria con la sua campagna elettorale. La posizione di Truzzu evidenzia un crescente divario tra le fazioni all’interno del centrodestra, con la Lega di Salvini che appoggia la continuità di Solinas e un’altra che cerca un rinnovamento sotto la guida di Truzzu.

I sardisti, nel frattempo, cercano di mantenere l’unità della coalizione, prendendo tempo per convocare un consiglio direttivo la settimana prossima. Moro sottolinea l’importanza di trovare una sintesi all’interno della coalizione per preservare l’unità del centrodestra.

L’attesa a Roma per l’esito della riunione sottolinea l’importanza di queste elezioni non solo per la Sardegna ma anche per l’equilibrio politico nazionale. La decisione di sostenere Solinas, tuttavia, potrebbe portare a ulteriori tensioni all’interno della coalizione, con possibili ripercussioni sul panorama politico sardo e nazionale.

Ultimo Aggiornamento: 13/01/2024 07:51