Vai al contenuto

“Arrestato”. Imprenditore trovato morto in casa, svolta nelle indagini: l’annuncio

Pubblicato: 23/01/2024 18:00

Il figlio dell’imprenditore edile ucciso a Enna, Gaetano Menzo, è stato arrestato. Il giallo sulla morte dell’uomo è dunque durato pochissimo, anche grazie alle testimonianze che hanno permesso di ricostruire l’accaduto. La vittima era stata uccisa a coltellate nella sua abitazione, in pieno centro. Dell’uomo non si avevano notizie da qualche ora, così il figlio maggiore era andato a cercarlo e eva fatto la macabra scoperta.

In manette è finito il figlio minore, 22 anni, con il quale il padre aveva avuto una forte discussione prima della morte. L’accusa nei confronti di Matteo Menzo è quella di omicidio del padre Gaetano, 58 anni. Lo ha deciso il pm Salvatore Interlandi. Il giovane era nei pressi della questura pronto a costituirsi e gli agenti lo avrebbero convinto ad andare in caserma. 

Leggi anche: Orrore a scuola: cadavere trovato nel cortile durante la ricreazione

L’imprenditore era impegnato in un cantiere a pochi passi dalla sua abitazione e per questo motivo aveva deciso di fare rientro a casa per il pranzo. Il figlio Matteo era stato visto allontanarsi da casa visibilmente turbato dopo una lite col padre ed era ricercato dalla poliza. 

Andria madre droga figlio

Intanto all’interno dell’appartamento dove è avvenuto il delitto sono in corso i rilievi della polizia scientifica. Attualmente non sono noti i motivi che avrebbero portato allo scontro i due uomini, così come l’esatta dinamica dell’aggressione che dovrà essere ricostruita in un secondo momento attraverso le indagini delle forze dell’ordine.

Leggi anche: Annalisa Rizzo uccisa dal marito: voleva divorziare. Il padre: “Le dicevo di lasciare quel vecchio”

Ultimo Aggiornamento: 23/01/2024 21:14