Vai al contenuto

Proteste agricoltori, bloccato traffico autostradale: strade ko per ore

Pubblicato: 31/01/2024 18:23

Un’imponente manifestazione di agricoltori ha causato forti disagi al traffico autostradale in diverse zone della Lombardia. Circa settanta trattori hanno bloccato il casello autostradale di Brescia Centro, in via Volta, e nella zona di Brescia Due, creando lunghe code e impedendo la normale circolazione per diverse ore. La protesta, organizzata dal coordinamento “Riscatto Agricolo“, è stata indetta per esprimere il dissenso contro le attuali politiche europee, in particolare con riferimento al Green Deal europeo.
Leggi anche: Protesta dei trattori, è tragedia. C’è un morto: “In macchina con la figlia”
Leggi anche: “Pronti a bloccare l’Italia”. Si riaccende la protesta dei trattori: il giorno fissato sul calendario

Dopo aver bloccato il traffico a Brescia, i trattori hanno iniziato a rientrare verso il luogo di origine del presidio, ma la mobilitazione è destinata a continuare fino a sabato, come confermano i referenti del movimento.

Proteste anche a Melegnano: sale la tensione

Parallelamente, un simile atto di protesta si è verificato a Melegnano, in provincia di Milano, dove gli agricoltori hanno bloccato il traffico sulla strada Binasca, vicino al casello dell’Autostrada del Sole. Il corteo di trattori ha sfilato per circa un’ora, causando interruzioni e rallentamenti alla normale circolazione.

In risposta alla protesta, il sindaco di Melegnano, Vito Bellomo, è intervenuto sul posto, dopo essere stato contattato dagli stessi agricoltori. Questi ultimi hanno espresso il desiderio di sfilare anche per le vie del centro di Melegnano per sensibilizzare la popolazione locale riguardo le motivazioni della loro mobilitazione. La protesta degli agricoltori è un chiaro segno di malcontento verso le direttive europee, che molti ritengono dannose per il settore agricolo.

Queste manifestazioni rientrano in un contesto più ampio di malcontento nel settore agricolo, dovuto a una percezione di politiche ritenute inadeguate e poco sensibili alle reali esigenze di chi lavora la terra. La scelta di bloccare le vie di comunicazione principali è un atto simbolico forte, volto a richiamare l’attenzione su temi ritenuti vitali per la sopravvivenza del settore agricolo.

Ultimo Aggiornamento: 31/01/2024 18:24