Vai al contenuto

Vanno dall’amico a vedere la partita: li trovano tutti morti dopo giorni sul retro della casa

Pubblicato: 01/02/2024 19:20

In un tranquillo quartiere di Kansas City, un mistero agghiacciante ha sconvolto la comunità. Tre uomini, David Harrington, Ricky Johnson e Clayton McGeeney, sono stati trovati morti, congelati nel cortile di un amico, dopo una serata passata a guardare la partita di football dei Kansas City Chiefs. Il caso, avvolto in circostanze strane e inquietanti, è ora oggetto di un’indagine approfondita da parte della polizia locale.

La partita, poi la sparizione: ritrovati dopo giorni dai parenti

I tre amici, appassionati tifosi, avevano organizzato una serata insieme per assistere all’ultima partita della stagione regolare il 7 gennaio. La riunione, che è iniziata come un semplice raduno tra amici, si è conclusa in tragedia. Non essendo rientrati a casa, i familiari hanno dato l’allarme il giorno seguente, ma solo dopo due giorni i corpi sono stati scoperti nel cortile dell’abitazione dell’amico, senza segni di violenza evidenti.

La polizia, in attesa dei risultati dell’autopsia e degli esami tossicologici, non ha al momento individuato sospettati. Il proprietario della casa, un coetaneo dei tre defunti, ha dichiarato di non essersi accorto della loro presenza nel cortile, pensando fossero partiti insieme al quinto amico della compagnia dopo essersi addormentato sul divano.

Corpi trovati dalla fidanzata di Harrington

I corpi dei tre uomini sono stati trovati dalla fidanzata di Harrington, che, utilizzando un’applicazione per localizzare il cellulare del suo compagno, ha fatto la macabra scoperta. La donna, non ricevendo risposta alla porta, è entrata nella proprietà forzando una finestra. Il proprietario ha affermato di essere stato al piano di sopra, dormendo con le cuffie, e di non aver sentito né i colpi alla porta né l’ingresso della donna.

La polizia, arrivata sul posto su chiamata della fidanzata di Harrington, ha trovato la piena collaborazione del proprietario della casa, che ha immediatamente aperto le porte agli investigatori. Nonostante ciò, il proprietario ha lasciato l’abitazione, ma non è accusato di alcun reato al momento.