Vai al contenuto

Brutte notizie per i fumatori. Aumenti di 10 centesimi sulle sigarette, la tabella marca per marca

Pubblicato: 02/02/2024 16:05

Brutte notizie per i fumatori: è in arrivo, infatti, un nuovo aumento, come certificato dalle tabelle dei prezzi pubblicate dall’agenzia delle Dogane e che entreranno in vigore a partire dal 2 febbraio per prodotti da inalazione quali sigari, sigarette e via dicendo. Novità che derivano dalla Legge di Bilancio 2024, che ha aggiornato i prezzi di vendita al pubblico. Nello specifico, l’importo fisso per unità di prodotto passerà da 20,20 a 29,30 euro per 1.000 sigarette. Tradotto significa un aumento di circa 10-12 centesimi sul pacchetto standard. Sono stati inoltre rimodulati, al rialzo, alcuni valori previsti per le accise, gli oneri fiscali e l’aliquota di un’imposta di consumo previsti per alcuni prodotti di tabacco nonché per prodotti succedanei dei prodotti da fumo. Trovate qui la tabella con gli aumenti per le sigarette, marca per marca.

Leggi anche: “Finalmente”. Paola Perego torna in tv dopo l’operazione: ecco quando la rivedremo

Per le sigarette, l’accisa corrisponde alla somma di una componente fissa, che dal 1° gennaio 2024 è pari a euro 29,30 per 1.000 sigarette, e di un elemento proporzionale, costituito dal 49,50% del prezzo di vendita al pubblico. È previsto anche un onere fiscale minimo (IVA + accisa), che dal 1° gennaio 2024 è pari a euro 202,23 per chilogrammo convenzionale (1000 sigarette). Per i sigari, invece, l’accisa è calcolata applicando l’aliquota di base del 23,50% sul prezzo di vendita al pubblico. È, inoltre, prevista un’accisa minima pari a euro 35,00 per chilogrammo convenzionale (200 sigari).

Per i sigaretti, l’accisa è calcolata applicando l’aliquota di base del 24% sul prezzo di vendita al pubblico. È prevista, inoltre, un’accisa minima pari a euro 37,00 per chilogrammo convenzionale (400 sigaretti). Per il tabacco trinciato a taglio fino da usarsi per arrotolare le sigarette (RYO), l’accisa è calcolata applicando l’aliquota di base del 60% sul prezzo di vendita al pubblico. È prevista anche un’accisa minima, che dal 1° gennaio 2024 è pari a euro 147,50 per chilogrammo. Per quanto riguarda il tabacco da inalazione senza combustione, infine, l’accisa è pari, dal 1° gennaio 2024, al 38,00% dell’accisa gravante su un equivalente quantitativo di sigarette. Trovate su questa pagina le tabelle con i prezzi aggiornati di ogni prodotto.

Leggi anche: “Premierato? Pasticcio inaccettabile”. Pera si scaglia contro il nuovo testo: “Va riscritto”

Ultimo Aggiornamento: 02/02/2024 23:01