Vai al contenuto

La Russa Junior, droga dello stupro nei capelli della ragazza: si aggrava la posizione del figlio del politico

Pubblicato: 14/02/2024 21:19
La Russa Junior, droga dello stupro nei capelli della ragazza: si aggrava la posizione del figlio del politico

Un’inchiesta giudiziaria a Milano sta svelando dettagli scioccanti di presunta violenza sessuale riguardanti una giovane donna di 22 anni, coinvolgendo Leonardo Apache La Russa, figlio del presidente del Senato Ignazio La Russa, e il DJ Tommaso Gilardoni. La ragazza ha denunciato di essere stata oggetto di rapporti sessuali non consensuali dopo aver subito l’assunzione della cosiddetta “droga dello stupro“.
Leggi anche: Alfredo Antoniozzi, il figlio del deputato di FdI prende a calci un poliziotto: “Voi non sapete chi sono io, vi faccio licenziare”

Droga nello stupro assunta nel periodo compatibile con la presunta violenza

Secondo quanto riportato dalle analisi effettuate su una ciocca di capelli della giovane, il tossicologo Aldo Polettini ha accertato la presenza di Ghb, una sostanza nota per causare la perdita di volontà e coscienza, nel suo organismo. La droga sarebbe stata somministrata in un periodo compatibile con quello in cui la presunta violenza sessuale sarebbe avvenuta presso l’abitazione del presidente del Senato.

Le indagini, condotte dal pm Rosaria Stagnaro, hanno portato alla luce un quadro inquietante. Nonostante non sia stata possibile stabilire con certezza la data precisa dell’assunzione della droga, la presenza del Ghb nei capelli della ragazza suggerisce che qualcuno abbia fatto assumere la sostanza a sua insaputa. La giovane ha escluso di averla assunta volontariamente.

Dopo il cocktail il cambiamento d’umore raccontato dalle amiche

L’ambiguità della situazione emerge anche dai racconti di testimoni. Un’amica della ragazza ha dichiarato che dopo aver bevuto un cocktail nella discoteca milanese Apophis, la giovane ha manifestato improvvisi cambiamenti di umore, diventando euforica e pronunciando frasi sconnesse. Tuttavia, nessun testimone ha visto qualcuno versare sostanze nei suoi drink.

L’avvocato della giovane, Stefano Benvenuto, ha depositato le conclusioni delle analisi tossicologiche e ha richiesto ulteriori accertamenti per consolidare le prove in vista di un possibile processo. La ragazza stessa, in una querela depositata a fine giugno, ha raccontato di essersi risvegliata senza ricordi nel letto del suo ex compagno di scuola, Leonardo, che le ha riferito di aver avuto rapporti sessuali con lei e con un altro ragazzo.

La vicenda, che ha scosso l’opinione pubblica per la gravità delle accuse e la presunta involontarietà dell’assunzione della droga, rimane al centro delle indagini giudiziarie, mentre la ragazza cerca di ricostruire i frammenti della sua memoria per comprendere appieno quanto accaduto.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 22/05/2024 14:36