Vai al contenuto

Il gesto eroico di Gianluca: accosta il furgone prima di morire, così il 44enne ha salvato tante vite

Pubblicato: 03/04/2024 17:09

Un malore improvviso mentre era alla guida del suo furgone nelle strade di Roma. Una tragedia che ha compreso non gli avrebbe lasciato scampo e per questo Gianluca Verrelli, imprenditore edile di 44 anni, ha accostato il mezzo dal lavoro ed è sceso per poi accasciarsi sull’asfalto.

Soccorso da alcuni passanti che hanno richiesto l’intervento al 1118 è stato trasportato d’urgenza in ospedale, ma i medici nulla hanno potuto se non constatarne il decesso. La tragedia si è consumata il primo aprile scorso, giorno di Pasquetta, a Roma in via Galvano della Volpe, in zona Tor Vergata.

L’imprenditore originario di Boville Ernica ma residente da qualche tempo a Veroli (entrambi comuni della provincia di Frosinone) ha accusato un malore alla guida. Trasportato d’urgenza al vicino PTV di viale Oxford il suo cuore ha però smesso di battere. Con il suo gesto ha evitato l’impatto con altri mezzi in transito in quel momento. Tanti i messaggi di cordoglio e vicinanza alla moglie e ai figli.
Leggi anche: Devis muore a 28 anni nello schianto: le telecamere riprendono tutto