Vai al contenuto

Willy Monteiro, Gabriele Bianchi si vanta in carcere: “Qui comando io”

Pubblicato: 11/04/2024 10:37

Fa ancora discutere il caso dell’omicidio di Willy Monteiro Duarte, pestato a morte il 6 settembre del 2020 a Colleferro. Martedì scorso la Corte di Cassazione ha disposto un nuovo processo di appello per i fratelli Gabriele e Marco Bianchi. I due, già condannati a 24 anni di carcere, ora rischiano l’ergastolo. Nonostante questo, però, diverse testimonianze descrivono Gabriele come un detenuto che sta facendo la bella vita nel penitenziario romano di Rebibbia.
Leggi anche: Uccise il diciannovenne Willy, ora si sposa: l’assurda storia del massacratore di Colleferro. Scoppia la polemica

Le testimonianze sulla vita di Gabriele Bianchi in carcere

Gabriele Bianchi non sembra aver cambiato il suo carattere arrogante e violento nonostante rischi di non uscire più dal carcere. Indossa oggetti e abiti di lusso di marche come Gucci e Louis Vuitton e non smette mai di fare il prepotente con gli altri detenuti.

Io sono il re, voi gli schiavi, si fa quello che dico io”, così si sarebbe rivolto Gabriele Bianchi ai suoi compagni del settore G12. “Potrebbe essere tuo padre o tuo nonno. Lascialo in pace non puoi comportarti così”, questa invece la richiesta di uno dei detenuti non disposto più ad assistere alle prepotenze del giovane su un altro detenuto 70enne. Soprusi che sarebbero terminati soltanto quando l’anziano ha lasciato il penitenziario romano, suscitando la soddisfazione di Gabriele Bianchi che avrebbe reagito così: “Qui comando io” .
Leggi anche: Omicidio Willy, Mario Pincarelli si sposa: “L’ho visto in tv e mi sono innamorata”

Continua a leggere su TheSocialPost.it