Vai al contenuto

L’Iran contro Israele con ondate di droni e missili. Netanyahu annulla l’attacco all’Iran su richiesta di Biden 

Pubblicato: 14/04/2024 10:00

Nelle prime ore di oggi, l’Iran ha lanciato un attacco su larga scala contro Israele, utilizzando droni kamikaze e missili cruise in tre distinte ondate. Questo movimento bellico rappresenta una vera e propria dichiarazione di guerra, segnalando una drammatica escalation nel conflitto mediorientale.
Leggi anche Medio Oriente, battaglia nei cieli: protagonisti i caccia

Joe Biden, presidente degli Stati Uniti, sta monitorando attentamente la situazione mentre Israele ha convocato il suo gabinetto da guerra in risposta immediata all’attacco. Nel frattempo, jet da combattimento degli Stati Uniti e della Francia sono stati avvistati mentre si dirigevano verso lo spazio aereo iracheno, segno evidente della tensione crescente nella regione.

Le Guardie Rivoluzionarie dell’Iran hanno descritto l’attacco come una punizione al “regime sionista”, denominando l’operazione Vadeh Sadegh (Vera Promessa). L’operazione ha provocato la chiusura dello spazio aereo in Israele, Giordania, Iraq e Libano, mentre la Siria ha messo in allerta le proprie batterie missilistiche.

I primi droni iraniani sono stati intercettati sopra i cieli della Siria e della Giordania, grazie al sofisticato sistema di difesa aereo messo in atto con il supporto degli Stati Uniti e degli alleati. Il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, è stato trasferito in un bunker sicuro.

Gli analisti militari indicano che gli obiettivi principali dell’attacco potrebbero essere infrastrutture militari situate a nord, nelle Alture del Golan, e a sud, presso una base aerea nel deserto del Negev. Droni esplosivi sono stati lanciati anche dallo Yemen e dall’Iraq, mentre dal Libano sono partiti razzi.

La Unione Europea ha definito l’attacco come una “grave minaccia” e una “escalation senza precedenti”, sollevando preoccupazioni sulla stabilità regionale e sulla sicurezza internazionale. Nel frattempo, jet di Stati Uniti e Regno Unito stanno collaborando con Israele per contrastare l’offensiva aerea iraniana. Questa notte rappresenta una delle più pericolose e temute nella storia recente del Medio Oriente.

15:50 – Netanyahu annulla l’attacco all’Iran su richiesta di Biden 

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dissuaso il primo ministro Benjamin Netanyahu dal dare il via libera a un immediato attacco di ritorsione contro l’Iran dopo che quest’ultimo ha lanciato circa 300 droni e missili d’attacco contro Israele, lo riferisce il New York Times. Diversi membri del gabinetto di guerra israeliano erano favorevoli a lanciare un attacco di risposta, ma la mancanza di gravi danni causati dall’Iran, oltre alla conversazione di Netanyahu con Biden, hanno portato alla revoca dell’attacco.

15:00 – Cnn, fonti israeliane: “Risponderemo ad attacco, ma portata della risposta non ancora decisa”

Israele risponderà all’attacco, la portata della risposta è ancora da determinare. E’ quanto hanno dichiarato fonti israeliane alla Cnn, spiegando che non è stato ancora deciso se la risposta sarà una cosa per “rompere tutti i piatti” o sarà più moderata. Le opzioni, hanno aggiunto le fonti, saranno discusse nel gabinetto di guerra convocato per oggi.

10:30 – Hamas: “Risposta Iran è meritata per i crimini sionisti”

“Consideriamo l’operazione militare dell’Iran contro l’occupante sionista come un diritto naturale e una risposta meritata al crimine di aver preso di mira il consolato iraniano a Damasco e di aver assassinato lì diversi leader delle Guardie Rivoluzionarie”- Lo ha detto Hamas su Telegram, facendo appello “alle nazioni arabe e islamiche, ai popoli liberi del mondo e alle forze della resistenza nella regione di continuare l’appoggio alla nostra operazione ‘Inondazione di Al Aqsa”.

10:15 – Raid di Israele nel Nord-Est del Libano

Israele starebbe colpendo con dei raid il Nord-Est del Libano. Lo riporta Times of Israel citando i media libanesi. L’attacco avrebbe preso di mira la città di Nabi Chit nel distretto di in Baalbek District, roccaforte di Hezbollah, a circa 100 chilometri dal confine. Una fonte del movimento islamista ha confermato i raid.

08:00 – Israele ha riaperto lo spazio aereo

È stato riaperto alle 7.30 ora locale lo spazio aereo israeliano, dopo l’attacco iraniano nella notte. Lo ha annunciato l’Autorità aeroportuale israeliana, spiegando che comunque gli orari dei voli all’aeroporto Ben-Gurion saranno soggetti a modifiche.

07:40 – La premier Meloni convoca G7

La Presidenza italiana del G7 ha convocato per il primo pomeriggio di oggi una videoconferenza a livello leader, per discutere dell’attacco iraniano contro Israele. Lo si apprende da fonti di Palazzo Chigi

07:30 – Hamas ha rifiutato la proposta di tregua

Hamas ha rifiutato l’offerta avanzata da Israele la settimana scorsa al Cairo. Lo ha fatto sapere l’ufficio del premier per conto del Mossad. “Il rifiuto della proposta dei tre mediatori che prevedeva un margine di flessibilità significativamente maggiore da parte israeliana, dimostra – ha detto – che Sinwar non è interessato a un accordo umanitario e al ritorno dei ostaggi, e continua ad approfittare delle tensioni con l’Iran per cercare di unire i teatri e di realizzare un’escalation generale nella regione”. Israele – ha aggiunto – “farà di tutto per riportare indietro i 133 ostaggi da Gaza il prima possibile”.

07:10 – Israele: “Respinti il 99% degli attacchi: solo alcuni missili hanno colpito base aerea di Nevatim”

Il portavoce delle Forze armate israeliane ha confermato che il 99% dei 300 fra missili e droni lanciati dall’Iran contro Israele durante la notte è stato intercettato e abbattuto dalla difesa aerea. In particolare, ha spiegato, sono stati lanciati 170 droni nessuno dei quali è arrivato allo spazio aereo israeliano: tutti sono stati abbattuti fuori dai confini del paese da Israele e dai suoi alleati. Neanche i 30 missili da crociera sono riusciti ad entrare nello spazio aereo israeliano: 25 sono stati abbattuti dall’aeronautica israeliana. Sono poi stati lanciati 120 missili balistici, alcuni dei quali hanno aggirato le difese israeliane colpendo la base aerea di Nevatim nel sud di Israele: hanno causato solo danni leggeri e la base continua ad essere regolarmente operativa.

06:40 – Usa, difenderemo truppe

“Non cerchiamo un conflitto con l’Iran ma non esiteremo ad agire per proteggere le nostre forze e sostenere la difesa di Israele”. Lo afferma il ministro della Difesa americano Lloyd Austin.

06:00 – Una bimba di 7 anni ferita dalle schegge di un drone

Una bambina di sette anni nel sud di Israele è in gravi condizioni dopo essere stata colpita da schegge in seguito all’intercettazione di un drone iraniano nell’area di Arad, dove la bimba si trovava. Lo riporta Times of Israel.

05:30 – Hezbollah rivendica nuovo lancio di razzi sul Golan

Hezbollah ha rivendicato il lancio di “decine di razzi Katiuscia” su posizioni militari israeliane sulle alture del Golan, che Tel Aviv strappò alla Siria nella Guerra dei Sei Giorni del 1967.

04:00 – Biden teme che Netanyahu voglia trascinare gli Usa in un conflitto

Il presidente americano Joe Biden ha espresso il timore che il premier israeliano Benjamin Netanyahu stia cercando di trascinare di più gli Stati Uniti in un conflitto. Lo riporta Nbc citando alcune fonti, secondo le quali c’è preoccupazione fra i funzionari americani sulla possibilità che Israele risponda rapidamente agli attacchi dell’Iran senza pensare alle potenziali conseguenze.

03:40 – Biden a Netanyahu, non rispondere ad attacco Iran

Si è conclusa la telefonata tra il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, il quale ha chiesto all’interlocutore di astenersi dal rispondere all’attacco iraniano di questa notte. Lo riporta Israel Hayom.

03:00 – Convocata riunione emergenza Consiglio di sicurezza dell’Onu

Si terrà nella giornata di oggi una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza dell’Onu. Lo afferma la sua presidenza.

02:30 – “Intercettati 99% degli attacchi”

Israele avrebbe intercettato il 99% dei droni e dei missili lanciati dall’Iran. Lo riferisce Ynet citando funzionari israeliani.

02:10 – Iran: “Colpiti obiettivi in Israele”

I pasdaran iraniani affermano che missili e droni lanciati dall’Iran “hanno colpito obiettivi in Israele”. Lo riferisce l’agenzia iraniana Irna, citata dalla Tass.

02:00 Biden: “Il nostro impegno verso Israele è incrollabile”

“Ho appena incontrato il mio team della sicurezza nazionale per un aggiornamento sugli attacchi dell’Iran contro Israele. Il nostro impegno per la sicurezza di Israele contro le minacce provenienti dall’Iran e dai suoi alleati è incrollabile”. Lo ha scritto Joe Biden su X postando una foto dell’incontro nella Situation Room.

01:45 – Media: la risposta di Israele sarà “significativa”

Israele ha in programma una “risposta significativa” al lancio senza precedenti di droni dal territorio iraniano, ha detto un alto funzionario israeliano citato dalla tv Channel 12.

01:30 – La Giordania abbatte missili e droni iraniani

Diversi droni e missili lanciati dall’Iran sono stati intercettati e abbattuti nel cielo di Amman, capitale della Giordania, lo ha riferito la televisione statale Al Mamlaka in una trasmissione in diretta, durante la quale si sono sentite le sirene antiaeree suonare. I velivoli senza pilota sono stati avvistati e distrutti anche nei cieli della regione di Gerasa, nel nord della Giordania.

01:15 – Il gabinetto di guerra isrealiano: “Ci sarà risposta militare”

Il gabinetto di guerra israeliano ha approvato una risposta militare all’attacco iraniano. Lo indicano i media della Stato ebraico, senza aggiungere ulteriori dettagli.

00-50 – Teheran: “La questione per noi può dirsi conclusa”

Con la risposta iraniana all’operazione israeliana a Damasco contro i Guardiani della Rivoluzione “la questione può dirsi conclusa”. Lo scrive su X la rappresentanza permanente dell’Iran alle Nazioni Unite in un messaggio nel quale invita gli Usa a stare fuori del conflitto e minaccia Israele di una “risposta ancora più severa”.

00:40 – Fonte Iran: “Usati missili ipersonici e Kheibar”

L’Iran ha utilizzato missili ipersonici e Kheibar nella sua operazione contro Israele. “Gli attacchi missilistici e droni iraniani contro Israele, in rappresaglia all’attacco israeliano al consolato iraniano a Damasco, sono un’operazione combinata e continua, che utilizzerà diversi tipi di missili”, ha detto una fonte informata al sito di notizie del Consiglio supremo per la sicurezza nazionale iraniana, Nournews. “Quando i droni iraniani raggiungeranno Israele, inizierà la parte principale dell’operazione”, ha aggiunto.

00:20 – Aerei da guerra statunitensi e britannici hanno abbattuto droni iraniani diretti in Israele

Aerei da guerra statunitensi e britannici hanno abbattuto, sull’area di confine tra Iraq e Siria, alcuni droni iraniani diretti in Israele. Lo ha riferito il canale televisivo israeliano Channel 12, senza citare fonti.

00:05 – Decollati caccia di Stati Uniti e Francia

Caccia americani e francesi sono decollati dopo l’attacco lanciato dall’Iran a Israele e si stanno dirigendo verso lo spazio aereo iracheno. Gli F18 statunitensi, secondo quanto si apprende da fonti d’intelligence della Nato, sarebbero decollati dalla portaerei Eisenhower che si trova nella parte settentrionale del Mar Rosso e si sta dirigendo verso Suez.

23:55 – “400-500 i droni lanciati verso Israele”

Fonti Usa stimano in “400-500” i droni lanciati dall’Iran verso Israele. Lo riferisce il sito Ynet.

23:50 – Teheran: “Risposta a Paesi che apriranno spazio aereo a Israele”

“Qualsiasi Paese che aprirà il proprio spazio aereo o territorio a Israele per attaccare l’Iran riceverà una risposta decisiva”. Lo ha dichiarato il ministro della Difesa iraniano, Mohammad Reza Gharaei Ashtiani, citato da Press Tv.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 14/04/2024 23:00