Vai al contenuto

Amadeus, addio alla Rai: “Non è stata una scelta facile. Mai fatto richieste per favorire i miei familiari”

Pubblicato: 15/04/2024 13:24

È ufficiale il divorzio tra la Rai e Amadeus. È quanto è emerso – si apprende – da un incontro tra il conduttore e il direttore generale di Viale Mazzini, Giampaolo Rossi, che si è appena concluso. Poco prima di registrare le puntate del suo programma, Amadeus ha registrato un video sul suo canale Instagram per salutare il pubblico. Ma anche per spiegare bene cosa è successo e come è arrivato alla decisione di salutare la tv pubblica.
Leggi anche: Quanto vale l’addio di Amadeus: fiumi di euro e nuovi programmi
Leggi anche: Bonolis a Sanremo dopo Amadeus? “È un’eventualità, l’ho già fatto”

Il video di Amadeus: “Non è stato facile”

Ecco il contenuto del video che poco fa il conduttore Amadeus ha pubblicato sul suo profilo Instagram.

“Lavorare in Rai per tanti anni è stato per me motivo di orgoglio, di responsabilità ed immenso piacere. Al servizio pubblico va il mio più sentito ringraziamento. Grazie a tutti i Dirigenti che ho incontrato negli anni, che hanno riposto in me fiducia, garantendomi autonomia e serenità”.

“Non è stata per me una scelta facile anche in considerazione degli sforzi importanti fatti da Rai per trattenermi , e senza che io abbia mai fatto alcuna richiesta per favorire i miei familiari o per escludere miei passati collaboratori, a dispetto di quanto è stato fatto circolare sulla stampa negli ultimi giorni.
Non è nel mio stile”.

“Un grazie speciale va alle Maestranze Rai che rappresentano al meglio lo spirito dell’azienda. Grazie anche ai Colleghi e ai tanti Artisti che hanno creduto in me e si sono fatti coinvolgere nelle mie idee. I programmi che ho avuto la possibilità e la gioia di realizzare (Sanremo compreso ) appartengono al Pubblico, ma rappresentano per me, un pezzo di cuore e di vita”.

“Sono entrato ogni giorno nelle case di milioni di persone, ho provato a ripagare il grande affetto e l’apprezzamento ricevuto, con il lavoro, la professionalità, il rispetto e la libertà. Ho dato tutto me stesso. Ora è tempo di nuove sfide professionali e personali. È tempo di nuovi sogni.
Grazie a tutti.
Ci vediamo in TV”

Amadeus lascia la Rai: quando succederà

Amadeus, uno dei volti più noti della televisione italiana, lascerà la Rai al termine del suo contratto in agosto, per intraprendere una nuova fase della sua carriera al Nove. La conferma arriva direttamente da una nota di agenzia, dopo un incontro con il direttore generale della Rai, Giampaolo Rossi, che ha sancito la fine del rapporto lavorativo tra il conduttore e l’ente di servizio pubblico.

Il popolare presentatore, che ha guidato con successo gli ultimi cinque Festival di Sanremo, aveva già fatto trapelare nei giorni scorsi alcune indiscrezioni riguardo al suo futuro, indiscrezioni che avevano trovato eco nelle parole di Fiorello, amico e collega di lunga data, il quale aveva lasciato intendere il passaggio di Amadeus al Nove dalla prossima stagione televisiva: “Amadeus ha fatto questa scelta. È una scelta di vita. Non c’è dietrologia, non ci sono soldi o tutto quello che si sente: vuole nuovi stimoli”.

L’annuncio ufficiale pone fine a settimane di speculazioni e conferma la volontà di Amadeus di cercare nuove sfide professionali. Nonostante la separazione, il conduttore rimarrà in Rai fino alla scadenza naturale del suo contratto, garantendo il suo impegno nei programmi già pianificati.

Amadeus al Nove: cosa farà?

Il futuro di Amadeus al Nove è ancora avvolto nel mistero, ma è prevedibile che il conduttore rivestirà un ruolo di primo piano. La sua esperienza e la sua popolarità sono garanzie di qualità e innovazione per la rete, che sicuramente cercherà di sfruttare al meglio le sue capacità, sia in veste di conduttore che in quella di creatore di contenuti.

Questa mossa segue un trend recente di passaggi di grandi nomi della televisione italiana da un’emittente all’altra, come dimostra il caso di Fabio Fazio, che l’estate scorsa ha lasciato la Rai per Mediaset. Questi cambiamenti sono indicativi di un panorama televisivo in rapida evoluzione, dove le figure di spicco cercano nuove opportunità in un contesto mediale sempre più competitivo.

Il passaggio di Amadeus al Nove è atteso con grande interesse sia dai fan che dagli addetti ai lavori, curiosi di vedere come il conduttore sarà in grado di reinventarsi e quale impatto avrà la sua presenza su una nuova rete.

I motivi della rottura

Sembra che nella lunga trattativa con la Rai, Amadeus avrebbe espresso il desiderio di costituire una società propria con la quale produrre format da vendere alle tv, come aveva fatto Fabio Fazio. Una richiesta che a viale Mazzini non hanno potuto accettare a causa del cambio di regolamento. Questo, infatti non prevede più che i produttori possano essere allo stesso tempo conduttori. Inoltre, lo showman avrebbe chiesto un programma per la moglie Giovanna Civitillo e l’allontanamento del suo ex manager, Lucio Presta, marito di Paola Perego. Questi gestisce diversi artisti tra cui Roberto Benigni, Gianni Morandi, Paolo Bonolis, Barbara d’Urso, Simona Ventura e Antonella Clerici. I due avevano interrotto recentemente i rapporti dopo anni, ma il motivo non è mai stato chiarito.

Chi prenderà il posto di Amadeus in Rai

I nomi sul tavolo del cda Rai sono pochi, ma tutti di un certo peso. Due su tutti: Stefano De Martino e Alessandro Cattelan. Il primo è ben accetto alla dirigenza e ha dimostrato di avere un pubblico transgenerazionale. Il secondo si è ritagliato un posto di diritto nella fascia d’età dei 40-50enni. Per Stefano Di Martino si fanno grandi ipotesi, anche quella del Teatro Ariston, ma in quel caso ci sarebbe un diritto di anzianità sul quale fa pressione anche Carlo Conti, già padrone di casa tra il 2015 e il 2017, che non ha escluso il suo ritorno.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 15/04/2024 18:03