Vai al contenuto

Omicidio Ciatti, chiesta la condanna per l’assassino ceceno. Ma Bissoultanov è latitante…

Pubblicato: 16/04/2024 16:17

Il procuratore generale della Cassazione ha chiesto la conferma della condanna a 23 anni di carcere per Rassoul Bissoultanov, il cittadino ceceno accusato dell’omicidio di Niccolò Ciatti, il 22enne toscano morto nel corso di un pestaggio a Lloret de Mar in Spagna, nell’agosto 2017.

L’udienza che si è svolta questa mattina davanti ai giudici della prima sezione penale. Durante la seduta, è stata sollecitata l’inammissibilità del ricorso presentato dalla difesa del ceceno e in subordine il suo rigetto. Il 30enne è accusato di omicidio volontario e risulta essere ancora latitante e ricercato d’Europa. Bissoultanov infatti era riuscito a darsi alla fuga dopo la scarcerazione alla luce di un’istanza accolta dai giudici italiani su un difetto di procedura. L’uomo era stato estradato in Italia nel dicembre 2021 dalla Germania dopo essere stato fermato per un incidente d’auto.

Nel corso del suo intervento il procuratore generale ha definito l’imputato un uomo esperto di arti marziali “consapevole della sua forza, che ha messo in atto la sua azione nei confronti di una persona inerme e indifesa”. Il sostituto procuratore generale ha evidenziato inoltre come quello di Ciatti non possa essere considerato un omicidio preterintenzionale.
Leggi anche: Chi l’ha visto, nuovi dettagli sull’omicidio di Niccolò Ciatti: la verità inquietante sul suo assassino

Le parole del papà di Niccolò

ciatti fidanzata

“Speriamo che oggi la sentenza di condanna a 23 anni di carcere per Bissoultanov diventi definitiva e che venga trovato e messo in carcere. Mi auguro che il nostro governo e le nostre forze dell’ordine italiane si impegnino nelle ricerche, cosa che purtroppo in Spagna non è accaduta. Spero sia la volta buona, è il minimo per quello che ha fatto a mio figlio”. A dirlo è Luigi Ciatti, padre dello studente toscano di 22 anni. Il ragazzo era intervenuto per sedare una rissa fuori da una discoteca e prendere le parti di alcuni amici, ma si è trovato circondato da tre persone, di cui solo una condannata a 15 anni di carcere anche in Spagna.
Leggi anche: Omicidio Ciatti, il padre di Niccolò non si dà pace: “Se avessi potuto avrei preso il suo posto”

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 16/04/2024 16:59