Vai al contenuto

La Spagna critica la proposta sull’aborto in Italia, Meloni: “Quando si è ignoranti bisogna tacere”

Pubblicato: 17/04/2024 21:20

La polemica internazionale sull’accesso dei movimenti pro-vita ai consultori italiani, dove si effettuano gli aborti, sta alimentando uno scontro a distanza tra Roma e Madrid. Ana Redondo, Ministro delle Parità spagnolo, ha scatenato una serie di reazioni dopo aver criticato un emendamento proposto dalla maggioranza italiana che permetterebbe tale accesso.

Redondo: “Sono molestie contro le donne”

Redondo ha espresso preoccupazione per quello che ha descritto come “molestie organizzate contro le donne che vogliono interrompere la gravidanza”, sottolineando come ciò possa minare un diritto legalmente riconosciuto. “È la strategia dell’ultradestra: intimidire per annullare i diritti, per fermare l’uguaglianza tra donne e uomini,” ha affermato Redondo, aggiungendo che “l’aborto è un diritto fondamentale e umano, parte del diritto alla salute delle donne”.

Meloni sulle parole di Redondo: “Quando si è ignoranti su un tema…”

La risposta italiana non si è fatta attendere. Il Premier Giorgia Meloni, poco prima di un ricevimento con il re Filippo dei Belgi a Bruxelles, ha commentato le dichiarazioni di Redondo, affermando: “Varie volte ho ascoltato ministri stranieri che parlano di questioni interne italiane senza conoscerne i fatti. Normalmente quando si è ignoranti su un tema si deve avere almeno la buona creanza di non dare lezioni”.

Eugenia Roccella, Ministra per la Famiglia, la Natalità e le Pari Opportunità, ha sottolineato l’importanza di basarsi sui fatti piuttosto che sulla propaganda. “Suggerisco ai rappresentanti di altri Paesi di basare le proprie opinioni sulla lettura dei testi e non sulla propaganda della sinistra italiana,” ha detto Roccella, facendo notare che l’emendamento controverso “non fa altro che riprodurre alla lettera un articolo della legge sull’aborto in vigore da quarantasei anni”.

Questo scambio di critiche mette in luce non solo le differenze nelle politiche di aborto tra i due paesi, ma anche come tali questioni possano diventare punti di attrito diplomatico. Mentre il dibattito continua, è chiaro che le tensioni tra Italia e Spagna su questo fronte potrebbero influenzare le relazioni bilaterali nel prossimo futuro.

Continua a leggere su TheSocialPost.it