Vai al contenuto

Poliziotto sottoposto a test psichiatrico per capire se fosse gay: condannato il Ministero

Pubblicato: 17/04/2024 18:29

Un agente di polizia penitenziaria che era stato sottoposto a un esame psichiatrico per verificare se fosse omosessuale ha presentato un ricorso al Tar del Piemonte ottenendo un indennizzo di 10 mila euro per “danno morale”. A pagare la somma dovrà essere il ministero della giustizia.

I test erano stati ordinati dopo una segnalazione (risultata falsa) di due detenuti nel carcere dove l’agente prestava servizio. Il Tar nella sentenza ha rilevato che venne messa in dubbio l’idoneità al lavoro del poliziotto “veicolando l’idea per cui l’omosessualità attribuitagli potesse essere un disturbo della personalità”.

L’amministrazione ordinò il test per “fare chiarezza” sulla personalità dell’agente ma secondo il Tar del Piemonte la decisione fu “arbitraria e priva di fondamento giuridico oltreché tecnico-scientifico”. Si trattò infatti di una “indebita sovrapposizione” tra orientamento sessuale e disturbo della personalità. Il ricorso è del 2022.

Nel rivolgersi ai giudici l’agente lamentò la condotta con cui l’amministrazione lo aveva “messo alla gogna“. Raccontò che durante il procedimento disciplinare gli furono rivolte “domande ambigue” sul suo orientamento sessuale e che in seguito fu indirizzato per “accertamenti psichiatrici” alla Commissione medica ospedaliera di Milano.

I sanitari naturalmente non rilevarono elementi da cui ricavare l’inidoneità al servizio e le contestazioni di carattere disciplinare vennero archiviate. Come se non bastasse l’agente affermò inoltre di essere stato deriso ed emarginato dai colleghi e di avere vissuto una “forte situazione di stress”. In merito a questo aspetto però il Tar non ha riconosciuto il diritto a un risarcimento danni.
Leggi anche: Palermo, ragazzino di 13 anni si suicida: “Vittima dei bulli perché era omosessuale”

Continua a leggere su TheSocialPost.it