Vai al contenuto

Non si cura contro il cancro pur di far nascere suo figlio: ai funerali l’immagine di Azzurra spezza il cuore

Pubblicato: 18/04/2024 17:44

Bagno di folla ieri, per l’ultimo saluto ad Azzurra Carnelos, morta di tumore al seno otto mesi dopo la nascita del figlio Antonio. Oggi avrebbe compiuto 34 anni. Davanti alla scelta fra la chemioterapia che forse poteva ridarle la salute e il bimbo che portava in grembo, a lungo desiderato, Azzurra non ha esitato: ha scelto la vita di Antonio a scapito della propria. “Lei aveva un solo desiderio, voleva far nascere nostro figlio” ha commentato il marito Francesco. “Azzurra ha scritto una pagina di Vangelo” è stato il messaggio che il vescovo di Vittorio Veneto Corrado Pizziolo ha affidato a don Massimo Rocchi durante l’omelia.

Nel 2019, dopo il sogno premonitore con la nonna Nori che l’avvisava che aveva qualcosa di brutto, aveva scoperto di avere un tumore. Si cura subito, reagisce bene, la cosa pare essersi risolta. Nel 2022 si sposa con Francesco, il loro è un amore splendido. La giovane sposa teme di non poter restare incinta a causa delle cure subite. Invece lo scorso febbraio s’annuncia l’arrivo di un bimbo. La gioia è tanta ma dura pochi mesi. Durante l’estate scorsa quando la malattia si ripresenta, Azzurra non esita: niente chemio, prima di tutto deve nascere Antonio.

All’ingresso della chiesa i familiari hanno deciso di posizionare l’immagine di Azzurra felice e spensierata durante una gita in montagna. Sull’altare, invece, una foto ancor più emblematica e struggente: quella in cui la giovane mamma sorride felice al suo bimbo appena nato, il piccolo Antonio. “Vorrei che rimanga per tutti noi il sorriso di Azzurra che ora giunge dal cielo, che la luce di Azzurra sia per sempre nella nostra vita – è un passaggio di don Massimo -. Una scelta come la sua parla da sola. Il suo coraggio ha lasciato un’impronta profonda. La sua è la testimonianza che la vita è più forte della morte”.

Infine il racconto di Consuelo, amica d’infanzia di Azzurra: “Abbiamo passato una vita assieme. Quando eravamo piccole abbiamo fatto un sacco di corse e giocato a nascondino in condominio, alla fine non poteva mancare un panino con la Nutella. Tu eri una persona forte speciale e altruista, hai dato alla luce un gioiello, Antonio testimonia la tua forza”. Nel cuore di tutti è rimasta l’immagine di Azzurra che sorride e alza le braccia al cielo in un inno alla vita.
Leggi anche: Non si cura contro il cancro pur di far nascere suo figlio: morta a 33 anni

Continua a leggere su TheSocialPost.it