Vai al contenuto

Pasqualino Palombaro fa un volo di 100 metri dal ponte, gesto inspiegabile: “Non ha mai dato alcun segnale”

Pubblicato: 18/04/2024 08:24
Pasqualino Palombaro ponte Salle

Dolore e sconcerto a Tollo, in provincia di Chieti, per la morte di Pasqualino Palombaro, 55 anni, conosciuto da tutti come Paolo, molto noto sul territorio regionale per essere il titolare del ristorante pizzeria ‘Le Maschere’, prima a Tollo, poi, da qualche anno, in corso Manthoné a Pescara. L’uomo è deceduto dopo aver fatto un volo di 100 metri dal ponte di Salle. Secondo i primi riscontri si sarebbe trattato di un gesto volontario.
Leggi anche: Papa, no a suicidio assistito e maternità surrogata: posizione netta contro la guerra

Il cadavere di Pasqualino Palombaro è stato trovato la mattina di mercoledì 17 aprile, intorno alle 9, da alcune persone che si trovavano a passare vicino al ponte e che hanno notato un’auto parcheggiata a bordo strada. Come quello di Ariccia, purtroppo anche il ponte di Salle ha una terribile fama, visto che non è la prima volta che qualcuno mette in atto un suicidio gettandosi da quel punto. È stato poi necessario l’intervento del Soccorso alpino e dei vigili del fuoco per recuperare il corpo.

Chi era Pasqualino Palombaro

Pasqualino Palombaro era molto conosciuto perché il padre Tonino è stato per trent’anni vicepresidente di Cantina Tollo, paese dove il figlio viveva con la moglie Graziana Carinci, dipendente di Poste italiane in un ufficio di Pescara, e con il figlio Paolo, di 20 anni, studente universitario. Nessuno riesce a spiegarsi ii motivi del suo gesto estremo visto che non aveva mai dato alcun segnale in questo senso.

Così lo ricorda il sindaco di Tollo, Angelo Radica: “Paolo era una persona tranquilla, seria, molto legata alla famiglia, non ha mai dato alcun segnale che potesse far pensare ad una cosa del genere. Un mese e mezzo fa sono stato al ristorante, abbiamo parlato di vini, di tante cose, era sempre sorridente”.
Leggi anche: Morte Dora Lagreca, ipotesi suicidio scartata: “Caduta in verticale, senza slancio”

Continua a leggere su TheSocialPost.it