Vai al contenuto

Rissa a “L’Aria che Tira”, Parenzo (e tutti gli altri) contro Cristian Raimo. Lui si alza e se ne va. Il VIDEO

Pubblicato: 18/04/2024 21:49

Forse lo invitano in Tv perché fa audience, con le sue uscite polemiche sovente scomposte, che poi tengono banco per giorni, o per gli strali contro chiunque si discosti dal suo pensiero, o magari per l’altissima considerazione di sé che sembra avere – e che lo rendono assai inviso a più d’uno –, non lo sappiamo perché, ma sta di fatto che oramai il Cristian Raimo-show è una sorta di rubrica fissa, particolarmente nei programmi de La7. Proprio a “L’Aria che tira”, condotto da David Parenzo, lo scrittore e professore di filosofia in un liceo romano si è reso protagonista di una crisi di rabbia che lo ha portato ad abbandonare lo studio, nonostante il povero Parenzo lo avesse quasi rincorso nel camerino. E anche lo studio stesso ha dimostrato di non poterne più, invocandone l’allontanamento. E dire che due degli altri tre ospiti, l’europarlamentare del Pd Alessandra Moretti e Alessandro Cecchi Paone, tendenzialmente potrebbero trovarsi sulla sua stessa lunghezza d’onda, in molti casi. Ora, raccontiamo i fatti. (Continua a leggere dopo il VIDEO)
Leggi anche: Sede di La7 assediata dagli studenti, obiettivo David Parenzo: “Era con quelli che ci hanno lanciato sassi e bombe carta”

Raimo contro tutti

Si parlava degli scontri tra studenti e poliziotti all’università La Sapienza di Roma, come raccontato, tra gli altri, da Il Tempo. E l’attivista antifascista – o quantomeno così gli piace farsi considerare – si è esibito nella fascistissima pratica di imporre la propria voce e il proprio pensiero. L’unico pensiero giusto e corretto. Al punto che anche Alessandra Moretti ha dovuto amaramente constatare come questo tipo di atteggiamenti “vengano da un professore che insegna a scuola, non ascolta gli altri e non fa parlare“. Il motivo della isteria di Raimo era il semplice fatto che venissero citati i 27 feriti tra i poliziotti. Secondo Raimo sono tutte “veline delle Forze dell’ordine”, su cui si dovrebbe indagare per fare “buon giornalismo”. Sia David Parenzo sia la giornalista Annalisa Chirico, anch’ella ospite della trasmissione, hanno avuto da eccepire: “Si sono fatti male da soli? Ci sono i referti”, ha puntualizzato il conduttore. Ma Raimo va avanti stigmatizzando la tesi avanzata da alcuni secondo cui ci sia un ritorno degli Anni di piombo: “Da almeno trent’anni la violenza armata non c’è più”. Però Annalisa Chirico e il segretario regionale del sindacato della polizia Dsp, Luca Capalbo, in collegamento, non arretrano e Capalbo, per smentire le argomentazioni dello scrittore, ha citato il poliziotto Emanuele Petri, ucciso dalle Nuove Br il 2 marzo 2003, per mano di Nadia Lioce e Mario Galesi. (Continua a leggere dopo la foto)

L’uscita di scena

L’accostamento è stato respinto da Raimo, anzi lo ha proprio fatto imbufalire, sicché si è alzato e se n’è andato, lamentando il “livello del dibattito”, mentre Parenzo cercava di dissuaderlo e Cecchi Paone lo insultava. Alla prossima puntata.

Potrebbe interessarti anche: Scandalo Nestlé, ecco cosa vende nei Paesi più poveri. La denuncia: “Bambini a rischio”

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 26/04/2024 13:19