Vai al contenuto

Europee, Schlein rinuncia al nome nel simbolo Pd: “Divisivo”

Pubblicato: 22/04/2024 16:20

Europee, la segretaria Elly Schlein rinuncia al suo nome nel simbolo Pd. In una diretta su Instagram, Schlein ha definito quella di metterci il nome come quello di una “proposta più divisiva che rafforzativa e non ne abbiamo bisogno”.
Leggi anche: Elezioni in Basilicata, instant poll tra Bardi e Marrese

La segretaria del Partito Democratico, Elly Schlein, correrà alle europee (come capolista al Centro e nelle Isole), ma rinuncerà al suo nome nel simbolo del Pd. Lo ha annunciato in una diretta Instagram. “È stato proposto di inserire il mio nome nel logo. Si è aperta una bella discussione, ringrazio chi ha fatto questa proposta. Ma penso che il contributo lo possa dare correndo accanto a loro, in questa lista. Una proposta più divisiva che rafforzativa e non ne abbiamo bisogno.
Leggi anche: Sondaggi, brutte sorprese per Giorgia Meloni. Alle sue spalle, una clamorosa novità

Il diffuso malcontento si è manifestato al Nazareno, in occasione di una Direzione del partito, domenica, è emersa una forte divisione sulla proposta del presidente del partito Stefano Bonaccini (capolista nel Nord-Est) di inserire il nome della segretaria nel simbolo per le europee. Un’ipotesi che ha creato divisioni sia nella maggioranza del Pd sia nella stessa minoranza guidata da Bonaccini.

Decisivo, a quanto pare, il no all’ipotesi espresso da Lucia Annunziata, capolista nella circoscrizione Sud. L’ex presidente Rai, in un messaggio alla segretaria dem si è detta “in completo disaccordo” sull’operazione. Perché “il nome nel simbolo è la trasformazione del Pd in un partito personale proprio nel momento in ci la maggioranza ha presentato una riforma, il premierato, che distrugge l’attuale assetto costituzionale”

Alle 16 scade il termine per presentare i simboli

Scade alle 16 di oggi, lunedì 22 aprile, il termine per i partiti per registrare nome e simbolo al ministero dell’Interno presso la Direzione centrale per i servizi elettorali. Per le liste dei candidati il termine è il primo maggio. I simboli che proveranno a presentarsi per le elezioni europee sono finora a quota 35. Non tutti supereranno il vaglio degli uffici elettorali e molti di questi si ritroveranno nella bacheca dei ’ricusati’.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 23/04/2024 17:23