Vai al contenuto

Vincenzo D’Introno ritrovato dopo 9 mesi: il 22enne di Bari era a Fiumicino

Pubblicato: 26/04/2024 18:17


Vincenzo D’Introno, il giovane di 22 anni proveniente dalla provincia di Bari, era scomparso il 5 luglio scorso mentre si trovava a Livigno per un colloquio di lavoro. Dopo nove mesi di attesa e incertezza, è finalmente tornato a casa. È stato rinvenuto dalle autorità nell’area commerciale di Fiumicino, in uno stato di confusione. Il ritrovamento è stato possibile grazie alla collaborazione dell’Associazione Penelope, specializzata nella ricerca di persone scomparse, dei vigilanti e delle forze dell’ordine.

Vincenzo è stato trovato in un fast food mentre consumava gli avanzi lasciati dai clienti. Dopo un primo tentativo di allontanarsi, è stato identificato e soccorso. La notizia del suo ritrovamento ha portato sollievo e gioia alla sua famiglia, che era stata costantemente supportata dall’Associazione Penelope durante il periodo di scomparsa di Vincenzo. Il vicepresidente dell’Associazione Penelope Lazio, Rocco Micale, ha raccontato che il giovane è stato portato in caserma per verificare le sue condizioni fisiche, mentre i familiari sono stati immediatamente avvisati e hanno raggiunto Roma da Bari in poche ore.

La dinamica del ritrovamento è stata descritta dagli operatori durante una trasmissione televisiva, evidenziando come il nome di Vincenzo e una chiamata fatta alla madre nella stessa mattina abbiano permesso di identificarlo. Le autorità ora si stanno impegnando per ricostruire quanto accaduto durante i mesi di assenza di Vincenzo, mentre l’Associazione Penelope ha ringraziato i responsabili della vigilanza di Parco Leonardo e i carabinieri di Fiumicino per il loro intervento tempestivo e umanitario.

Ancora una volta, l’importanza del lavoro di squadra e della solidarietà si è dimostrata fondamentale nel riportare a casa una persona scomparsa, portando gioia e sollievo alla sua famiglia.

Leggi anche: Mattia Giani, spunta il video della tragedia in campo: “Fondamentale per fare chiarezza sulla morte”

Continua a leggere su TheSocialPost.it