Vai al contenuto

Censura Scurati, Travaglio non ha dubbi: “La Bortone ha combinato un pasticcio”

Pubblicato: 27/04/2024 12:00

Marco Travaglio non ha dubbi. Secondo il direttore del Fatto Quotidiano lo scrittore Antonio Scurati non è stato censurato dalla Rai. E che in realtà il pasticcio l’ha fatto solamente la conduttrice di CheSarà Serena Bortone. La vicenda è stata interamente ricostruita dal giornalista. La trattativa tra lo scrittore e la Rai si chiude il 15 aprile con un compenso di 1.500 euro autorizzato dall’Ufficio Contratti. Ma poi redazione decide di mandare alla Direzione Approfondimenti di Paolo Corsini e del suo vice Giovanni Alibrandi il monologo. A quel punto, spiega, Corsini e Alibrandi decidono di annullare il contratto per proporre a Scurati una partecipazione a titolo gratuito.

serena bortone che sarà

Quando vedono che è stato registrato come tale, ne deducono in fretta che lo scrittore abbia accettato e danno l’ok al comunicato stampa. Ma Bortone non ha avvertito Scurati del cambio di programma. La conduttrice avverte i capistruttura che però non rispondono subito. E allora lei pubblica il post su Instagram in cui annuncia la censura. “Ma Scurati ha ancora i biglietti del treno da e per Milano e l’hotel romano prenotati dalla Rai e autorizzati il venerdì mattina da Alibrandi, che li annullerà solo alle ore 13. Lo scrittore comprensibilmente decide di non partire. Ma i dirigenti Rai non hanno mai detto che non dovesse leggere il suo monologo. Sono così fessi da sembrare censori anche le rare volte in cui non lo sono”, conclude Travaglio. Insomma, secondo il direttore de Il Fatto Quotidiano la vicenda più chiacchierata dell’ultima settimana è solo un gigantesco misunderstanding.
Leggi anche: “Effetto o-Scurati”: le vere conseguenze della cancellazione del monologo dello scrittore

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 27/04/2024 12:22