Vai al contenuto

Fiorentina, la decide Nzola all’ultimo respiro: 3-2 al Bruges, Italiano vede la finale

Pubblicato: 02/05/2024 23:18

Un guizzo di Nzola a pochi secondi dalla fine regala alla Fiorentina una vittoria fondamentale, contro un Bruges che ha dato filo da torcere fino all’ultimo alla squadra di Vincenzo Italiano. Il 3-2 finale consente ai Viola di guardare con ottimismo alla gara di ritorno, ma in Belgio sarà importante non abbassare mai la guardia onde evitare pericolose sorprese.

Italiano ha schierato Sottil insieme a Beltran e Nico Gonzalez come trio di trequartisti alle spalle dell’unica punta Belotti, una scelta che ha immediatamente dato i suoi frutti. Già al 5′, Sottil ha stupito con una prodezza che ha portato la Fiorentina in vantaggio: un controllo seguito da un tiro a giro imparabile per Jackers. Solo tre minuti dopo, la viola ha avuto l’opportunità di raddoppiare: Biraghi è arrivato sul fondo e ha messo indietro, ma Nico Gonzalez ha calciato alto da una buona posizione. La formazione belga si è improvvisamente risvegliata al 13′: Thiago ha calciato dall’interno dell’area di rigore ma il tiro è stato respinto da Terracciano, sulla mischia successiva Biraghi ha toccato la palla con il braccio. Dopo un controllo al Var, l’arbitro ha assegnato il calcio di rigore che Vanaken ha trasformato con freddezza. La Fiorentina ha accusato il colpo e ha abbassato i ritmi, ma al 37′ è arrivata una nuova scintilla: Bonaventura ha calciato da lontano e ha trovato la respinta del portiere del Bruges, la palla è arrivata a Belotti, bravissimo a girarsi e a trovare l’angolino giusto per il goal del 2-1. E al 43′ Beltran di testa ha sfiorato il tris.

Nella ripresa Italiano ha perso Sottil per infortunio, sostituendolo con Kouamé. I viola hanno gestito il vantaggio e si sono ritrovati in superiorità numerica dal 61′, visto che Onyedika è stato espulso dopo un doppio giallo in soli tre minuti. Sembrava una gara in discesa? No, perché nonostante l’uomo in meno, il Bruges ha trovato il pareggio con il suo uomo migliore, il brasiliano Thiago, bravissimo nella conclusione incrociata che ha superato Terracciano. La Fiorentina ha provato a reagire con rabbia, rendendosi pericolosa prima con Ikoné, poi con Belotti. Ma a regalare la gioia del successo è stato Nzola, che nel primo minuto di recupero ha ribadito in rete, dopo che la sua precedente conclusione era terminata contro il palo.

Leggi anche: Zaia boccia Vannacci: “Mi sentirei come un peccatore a non votare i candidati veneti”. Esplode il caso

Continua a leggere su TheSocialPost.it