Vai al contenuto

Margherita Ceschin uccisa dai sicari assoldati dall’ex marito. Ecco perché

Pubblicato: 02/05/2024 17:36

Margherita Ceschin, uccisa il 23 giugno 2023 nella sua abitazione a Conegliano Veneto, è morta perché il suo ex marito ha assoldato dei sicari dominicani. Non voleva più versarle l’assegno di mantenimento e per questo motivo ha assoldato tre killer, che avrebbe remunerato con un milione di euro e alcune proprietà immobiliari a Santo Domingo. La pensionata di 72 anni è stata picchiata e soffocata nel suo appartamento di via 28 Maggio.
Leggi anche: “Vorrei spezzare l’incantesimo”: lo struggente messaggio di Chiara Tramontano per la sorella Giulia, che avrebbe compiuto 30 anni

Il movente

Enzo Lorenzon, l’ex marito della donna, 79enne residente a Ponte di Piave, Treviso, è il mandante del delitto. Voleva togliere di mezzo la moglie per non pagare più l’assegno di mantenimento da 10 mila euro al mese. Alla banda di dominicani aveva promesso un milione di euro in contanti, più alcune case a Santo Domingo.

La chiusura delle indagini

Dettagli raccapriccianti emergono dall’avviso di chiusura indagini notificato dalla Procura di Treviso a Enzo Lorenzon, e ai dominicani Sergio Antonio Luciano Lorenzo, 39 anni, considerato uno dei due autori materiali dell’omicidio; Juan Maria Beltre Guzman (42, l’intermediario).

Ai tre si aggiunge un altro dominicano, Josè Luis Mateo Garcia, il secondo esecutore materiale del delitto arrestato in Spagna lo scorso gennaio ed estradato ad aprile. E poi c’è Joel Luciano Lorenzo, fratello di Sergio Antonio, che fece il palo la sera del 23 giugno e che oggi risulta latitante. Per questi ultimi due è stato chiesto uno stralcio del procedimento.

Chiesta l’archiviazione, invece, per la compagna di Lorenzon, la dominicana Dileysi Guzman Lorenzo: l’obiettivo degli inquirenti è quello di sentirla come testimone a processo.

Continua a leggere su TheSocialPost.it