Vai al contenuto

Michela morta a soli 10 anni per un malore davanti gli occhi della mamma: inutili i soccorsi

Pubblicato: 04/05/2024 11:50

Sarà l’autopsia, disposta dall’autorità sanitaria, a fare chiarezza sulle cause della morte della piccola Michela Nunziata. Aveva solo 10 anni la bimba morta giovedì pomeriggio davanti agli occhi della madre, uccisa da un malore improvviso. La piccola ha perso i sensi e si è accasciata per terra spingendo la madre, Tiziana Fiore, a chiamare il 118. La risposta è stata immediata: sul posto si sono precipitate l’ambulanza della Croce Arancione, l’auto infermieristica di Montecchio e l’automedica reggiana, seguiti dall’elisoccorso di Parma.

Nonostante il rapido arrivo del personale medico, la bambina era già gravissima e il suo cuore ha smesso di battere. I soccorritori hanno provato a rianimarla a lungo, ma il cuore non riprendeva a battere. La piccola è stata portata al Maggiore di Parma dove è stata ricoverata in rianimazione, ma, purtroppo, è deceduta. L’Ausl reggiana ha annunciato che verrà condotta un’autopsia per determinare le cause esatte della morte improvvisa di Michela, cercando di portare qualche risposta al tragico evento.

I funerali non sono stati ancora fissati. Michela Nunziata lascia la madre Tiziana Fiore e il padre Angelo. Cordoglio per la morte della piccola è stato espresso anche dal sindaco Fausto Torelli. “Un dolore fortissimo per tutta la comunità – ha scritto – che in questo momento si stringe alla famiglia. Ai due genitori (Angelo e Tiziana) e a tutti i familiari va il nostro pensiero e abbraccio sentito”.

La zia di Michela, Patrizia, ha condiviso il proprio dolore su Facebook con un toccante messaggio: “Un altro angelo è volato in cielo troppo presto. Ora sei nelle braccia del tuo nonno, che si prenderà cura di te. Riposa in pace piccola nostra, sarai sempre nei nostri cuori. Ciao Michela, le tue zie e cugine ti ameranno sempre”.
Leggi anche: Bimba di 5 anni muore dopo malore, aperta un’inchiesta. Proclamato il lutto cittadino

Continua a leggere su TheSocialPost.it