Vai al contenuto

“Non rompete i co***oni!” Sgabri-Parenzo, la sfuriata in diretta: “Fa il ca*** che vuole”. Il VIDEO

Pubblicato: 04/05/2024 11:30
Sgarbi

C’è chi lo chiama siparietto, chi botta e risposta. Di fatto, quando c’è di mezzo Vittorio Sgarbi lo show televisivo è assicurato. Specie se c’è una delle sue “vittime” preferite: David Parenzo. Ospite a “L’aria che tira”, su La7, nella puntata del 3 maggio, David Parenzo stuzzica il suo interlocutore sulla candidatura alle elezioni europee di giugno con Fratelli d’Italia. Il giornalista lo punzecchia sul fatto che viene sempre cacciato e il critico d’arte ribatte: “È inutile che tu sorridi, sorridi perché sei un cretino!“, è l’inizio spumeggiante del “confronto”. “È Inutile che fai questi sorrisini mentre parli, sono stato cacciato ovunque”. Quindi Vittorio Sgarbi chiarisce: “Ti sto spiegando che sono stato cacciato dalla Moratti (allora sindaco di Milano, ndr) per una mostra su arte e omosessualità, cosa per cui oggi sarei premiato”. E ancora, sottolinea l’ex sottosegretario alla Cultura: “Questa volta io mi sono dimesso per togliere alla presidente del Consiglio una responsabilità”. (Continua a leggere dopo il video)
>>> Incinta, le diagnosticano una mastite, ma era un cancro terminale: come stanno lei e il suo piccolo. L’assurda storia di una 29enne

Continua poi Sgarbi, che è un fiume in piena: “Di conseguenza, Giorgia Meloni ha ritenuto che non dovessi essere assente dopo 35 anni dalla politica”. Poi aggiunge: “Io faccio il sindaco ad Arpino, l’assessore a Viterbo, tutto questo è compatibile con la legge, posso fare anche l’eurodeputato e ciò che è compatibile non va discusso”. Se c’è qualcuno in Fratelli d’Italia che storce il naso per la sua nomina? “Nessuno”, garantisce Sgarbi che provoca di nuovo Parenzo: “Fai i nomi, sei impreciso“. Risolta la questione della sua candidatura, Parenzo gli chiede invece di quella di Vannacci. E anche qui giù a parolacce… (Continua a leggere dopo il video)

“Si parla solo di Vannacci. Non rompete i coglioni!”, attacca Sgarbi. E poi: “Quella di Vannacci è solo un’intelligente candidatura per acchiappare voti di Salvini che non si candida. Lo farete eleggere voi a forza di parlarne. Perché devo parlare di Vannacci? Parliamo di Europa!”. La conclusione? Non poteva che essere dello stesso tenore: “Salvini fa il cazzo che vuole“. Ecco.

Ti potrebbe interessare anche: Arrivano le tasse dell’Intelligenza artificiale e saranno senza appello. Come funziona la nuova strategia del Fisco

Continua a leggere su TheSocialPost.it