Vai al contenuto

Djokovic colpito da una borraccia, a terra con sangue alla testa: il video dell’incidente

Pubblicato: 10/05/2024 22:01

Il re del tennis Novak Djokovic a terra, con del sangue che esce dalla testa. Immagini che hanno fatto il giro del mondo del giro di pochi minuti, un sequenza andata in scena al termine della sfida tra l’atleta e Corentin Moutet al Foro Italico tra lo stupore del pubblico, rimasto a bocca aperta di fronte a quanto stava accadendo. Poco dopo la conclusione dell’incontro, infatti, Djokovic ha riportato una ferita al capo, un taglio che ha provocato anche la fuoriuscita di sangue. Portato nello spogliatoio visibilmente scosso, il campione ha lamentato un po’ di nausea ma ha fatto sapere di stare bene. La ferita è stata suturata e, stando a quanto dichiarato dallo staff del tennista, la situazione non sembra destare preoccupazione, anche se il numero uno al mondo ha fatto sapere che non farà conferenza stampa né rilascerà dichiarazioni.

Djokovic stava uscendo dal centrale e mentre si concedeva ai tifosi per gli autografi di rito, è stato colpito da una borraccia di plastica caduta dalle tribune. Accasciatosi al suolo, il serbo è stato subito soccorso, restando a terra per qualche minuto, prima di essere accompagnato in spogliatoio per le cure, con la mano posta sulla testa che lasciava intravedere il sangue. Gli sono stati messi ghiaccio sulla testa e punti di sutura per chiudere la ferita.

A quanto pare, l’episodio non sarebbe frutto di un gesto volontario di una persona presente sugli spalti, ma di un incidente: la borraccia di plastica sarebbe caduta senza alcuna volontarietà da parte del suo possessore, scivolando dallo zaino di un tifoso che si era sporto per farsi firmare un autografo. Dopo aver ricevuto le cure opportune e rimessosi in sesto, Djokovic ha lasciato il Foro Italico per fare ritorno in albergo, senza dire nulla sull’accaduto.

Leggi anche: Eurovision, è caos: la cantante israeliana parla, altri artisti si coprono il viso (o fingono di dormire)

Continua a leggere su TheSocialPost.it