Vai al contenuto

Leonardo Tortolani muore a soli 13 anni. Il baby calciatore lottava contro una bruttissima malattia

Pubblicato: 14/05/2024 12:44

Un gravissimo lutto, quello che ha colpito la città di Osimo in provincia di Ancona, nelle Marche. Il piccolo Leonardo Tortolani, un giovane ragazzo che avrebbe compiuto 14 anni l’8 luglio prossimo e che faceva parte delle giovanili giallorosse dell’Osimana calcio, non ce l’ ha fatta. La sua vita è stata segnata da una malattia incurabile che lo ha strappato all’affetto della famiglia, oltre che all’amore dei compagni della scuola media Trillini nella zona di Borgo San Giacomo e degli amici della squadra con cui ha giocato a calcio fino a quando la salute glielo ha permesso. Leonardo ha combattuto con tutte le sue forze durante l’ultimo anno, ma la situazione è diventata irreversibile alcuni mesi fa.

Il ragazzo era stato ricoverato al Salesi due settimane fa. Nelle scorse ore, circondato dall’amore infinito dei suoi genitori, Sara Tozzo e Riccardo Tortolani, Leo ha perso la sua battaglia contro la malattia. Lascia anche una sorella maggiore, Gaia, di 16 anni, e un fratellino, Niccolò, di 8 anni, anch’egli iscritto al settore giovanile dell’Osimana.

I suoi compagni di squadra hanno mostrato il loro sostegno con uno striscione durante una partita: “Leo siamo con te”, con due cuori, uno giallo e l’altro rosso. Leo aveva iniziato a giocare a calcio fin da piccolo, ma un anno fa haaveva scoperto di avere un sarcoma al polpaccio. Nonostante le cure, la malattia è progredita rapidamente senza dare tregua. L’Osimana ha espresso il proprio dolore sui social media, ricordando Leo come un ragazzo sorridente e appassionato di calcio. I suoi compagni di squadra hanno indossato delle magliette bianche con la scritta “Questo è per te Leo” durante una partita per mostrare il loro affetto e il loro rispetto per lui.

Anche la comunità di San Paterniano, dove vivono i Tortolani, è sotto shock per la perdita di Leonardo. Moltissimi sono i messaggi di cordoglio arrivati ai suoi genitori in queste ore. La mamma Sara aveva precedentemente condiviso un appello dell’Airc per la Ricerca sul Cancro, evidenziando la necessità di sostenere la ricerca contro il cancro.

Leggi anche: Jannik Sinner, l’indiscrezione: niente Roland Garros

Ultimo Aggiornamento: 14/05/2024 12:45