Vai al contenuto

Omicidio Luca Sacchi, confermati 27 anni per Del Grosso. Appello bis per Kylemnyk, Pirino e De Propris

Pubblicato: 16/05/2024 23:20

Non si è ancora conclusa la storia giudiziaria attorno alla morte di Luca Sacchi: la Cassazione ha deciso di rimandare il caso in Appello, un nuovo processo che dovrà affrontare anche la compagna della vittima, Anastasiya Kylemnyk. Questa la decisione arrivata in queste ore, assieme alla conferma della condannta a 27 anni per il responsabile dell’omicidio, Valerio Del Grosso. Una scelta otivata dal desiderio di riesaminare la sentenza precedente, che aveva concesso uno sconto di pena significativo ai coimputati Paolo Pirino e Marcello De Propris. L’avvocato di parte civile, Armida Decina, ha espresso soddisfazione per la decisione della Cassazione, criticando il precedente sconto di pena concesso ai coimputatiIn aula, la procura generale ha ricostruito i tragici eventi che hanno portato all’omicidio di Luca Sacchi, sottolineando l’intenzionalità dell’atto commesso da Valerio Del Grosso.

La richiesta della procura generale di confermare la condanna a 27 anni per il giovane è stata accolta. La madre della vittima, Concetta Galati, ha espresso un sentimento misto di soddisfazione per la sentenza e dolore per la perdita del figlio. Il giudice ha ritenuto necessario un nuovo processo per rivalutare le accuse e le condanne dei coinvolti, come Paolo Pirino e Marcello De Propris, sostenendo che abbiano avuto un ruolo determinante nella tragedia.

Dopo un periodo di camera di consiglio, la Cassazione ha deciso che Kylemnyk, Pirino e De Propris affronteranno un nuovo processo. La ragazza, coinvolta in un giro di droga, dovrà giustificare meglio il suo coinvolgimento secondo la sentenza di Appello.

Leggi anche: Avvistato in Lombardia il gambero killer della Louisiana: “È pericoloso, segnalatelo se lo vedete”

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 17/05/2024 07:49