Vai al contenuto

È morto il giornalista Franco Di Mare, la sua ultima battaglia

Pubblicato: 17/05/2024 17:49

Franco Di Mare, noto giornalista Rai ed ex inviato di guerra, è scomparso all’età di 68 anni. Affetto da mesotelioma, ha raccontato pubblicamente la sua malattia, attribuendone l’origine all’esposizione all’amianto durante i suoi servizi in zone di conflitto. La notizia della sua morte è stata data dalla famiglia con una nota: “Abbracciato dall’amore della moglie, della figlia, delle sorelle e del fratello e dall’affetto degli amici più cari oggi a Roma si è spento il giornalista Franco Di Mare. Seguirà comunicazione per le esequie”. Il fratello Gino Di Mare ha espresso il suo dolore su Facebook: “Ciao Frà, con te va via un pezzo di me”.
Leggi anche “Mi sorrise e si aggrappò al collo”. Quando Di Mare raccontava l’incontro con la figlia adottiva Stella a Sarajevo

L’ultima apparizione di Franco Di Mare in televisione risale al 28 aprile, quando aveva partecipato a Che tempo che fa sul Nove. Collegato al respiratore, aveva spiegato il suo stato di salute, raccontando di come il mesotelioma si fosse manifestato molti anni dopo l’esposizione all’amianto. “Ho un tumore che non lascia scampo. Mi resta poco da vivere, quanto non lo so”, dichiarò con la consueta franchezza.
Leggi anche: Franco Di Mare malato: la figlia Stella, le sorelle Lucia e Sara, la compagna Giulia Berdini gli sono vicine

Di Mare ha lasciato un’impronta indelebile nel giornalismo italiano, raccontando le guerre in Europa e non solo. Nel suo libro “Le parole per dirlo. La guerra fuori e dentro di noi”, il giornalista aveva tracciato un bilancio della sua vita, fino alla scoperta della malattia. In un’intervista con Fabio Fazio, aveva detto: “Ho avuto una vita bellissima e le memorie che ho sono piene di vita. Mi dispiace di scoprirlo adesso, ma non è troppo tardi il mio arbitro non ha fischiato ancora”.
Leggi anche: Franco Di Mare, parla il legale: “Altri due colleghi del giornalista malati di mesotelioma”

Il giornalista non aveva nascosto la sua amarezza nei confronti della Rai, accusando i dirigenti di averlo ignorato nel momento del bisogno: “Non riesco a capire l’assenza sul piano umano, persone a cui davo del tu che si sono negate al telefono. Trovo un solo aggettivo: è ripugnante”.

Di Mare aveva sposato la compagna Giulia Berdini, classe 1991, il 15 maggio, dopo otto anni di fidanzamento. La loro relazione era nata nella sede Rai di Saxa Rubra. Di Mare aveva già alle spalle un matrimonio e una figlia, Stella, adottata quando era inviato di guerra a Sarajevo. La storia dell’adozione di Stella è stata raccontata nel libro “Non chiedere perché”, da cui è stata tratta la fiction Rai “Gli angeli di Sarajevo”.

Giornalista professionista dal 1983, Franco Di Mare aveva lavorato in varie agenzie di stampa e all’Unità come cronista di giudiziaria. Approdato in Rai nel 1991, era diventato inviato speciale per il Tg2, occupandosi della guerra dei Balcani e di altri conflitti in Africa e America Centrale. Nel 2002 era passato al Tg1, seguendo molti dei principali conflitti degli ultimi venti anni, dalla Bosnia al Medio Oriente. Dal 2003 aveva inziato a condurre “Unomattina estate”, diventando poi uno dei volti più noti del programma.

Nel 2019 era diventato vicedirettore di Rai 1, con delega agli approfondimenti e alle inchieste, e nel 2020 aveva assunto la direzione di Rai 3. Fino al maggio 2023 aveva continuato a condurre “Frontiere” su Rai 3, dimostrando una passione inesauribile per il racconto.

Franco Di Mare era amato per il suo approccio umano e diretto al giornalismo. Innamorato della vita, di Napoli e del mare di Capri, aveva continuato a lavorare con passione fino all’ultimo. La sua scomparsa lascia un vuoto incolmabile nel mondo del giornalismo e nei cuori di chi lo ha conosciuto e amato.
Leggi anche Franco Di Mare malato: la figlia Stella, le sorelle Lucia e Sara, la compagna Giulia Berdini gli sono vicine

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 18/05/2024 09:48