Vai al contenuto

L’annuncio del ministero della Difesa russo: “Iniziato l’addestramento per l’uso delle armi nucleari”

Pubblicato: 21/05/2024 17:58

Una notizia che ha fatto schizzare verso l’alto l’asticella della tensione: il ministero della Difesa russo ha dato il via ufficialmente all’inizio della prima fase di addestramento dei militari all’uso delle armi tattiche nucleari. Il tutto mentre le forze del Cremlino continuano a fare progressi significativi nella regione di Kharkiv. Le truppe russe hanno conquistato decine di villaggi, intensificando la pressione militare sul fronte orientale dell’Ucraina.

Nel frattempo, l’Italia e altri Paesi europei, tra cui Austria, Slovacchia e Ungheria, dovranno trovare entro la fine dell’anno alternative al gas russo. L’accordo per la fornitura di gas attraverso l’Ucraina sta per scadere e l’Unione Europea ha dichiarato che non intende rinnovarlo. La decisione di Bruxelles obbliga questi Stati a cercare nuovi fornitori di energia, in un contesto geopolitico sempre più teso.
Leggi anche: Torna il redditometro ma la maggioranza si spacca: bagarre nel centrodestra, cosa succede ora

L’Appello di Kuleba per l’Intervento della NATO

Il ministro degli Esteri ucraino, Dmitro Kuleba, ha rivolto un accorato appello agli alleati occidentali, chiedendo loro di prendere in considerazione l’intercettazione dei missili russi dal territorio della NATO. Durante una conferenza stampa congiunta con la sua omologa tedesca, Annalena Baerbock, Kuleba ha affermato: “Non esiste alcuna argomentazione giuridica, di sicurezza o morale che impedisca ai nostri partner di abbattere i missili russi sul territorio dell’Ucraina dal loro territorio”. Le sue dichiarazioni, riportate dall’agenzia di stampa Ukrinform, sottolineano l’urgenza di un supporto più diretto da parte dei Paesi occidentali.

Kuleba ha inoltre sottolineato che se l’intercettazione dei missili russi non fosse possibile, l’alternativa sarebbe fornire all’Ucraina tutti i sistemi di difesa aerea e gli aerei da combattimento necessari per proteggere il proprio territorio dagli attacchi aerei russi. Questa richiesta mette in evidenza la crescente necessità di equipaggiamento militare avanzato per far fronte all’offensiva russa.

La scadenza dell’accordo sul gas rappresenta una sfida cruciale per diversi Paesi europei, che dovranno accelerare la ricerca di fonti energetiche alternative. La dipendenza dall’energia russa è un tema critico che l’Unione Europea sta cercando di affrontare, specialmente in un periodo di crescenti tensioni geopolitiche e conflitti. Il passaggio a nuove forniture di energia non sarà privo di difficoltà, ma è visto come un passo necessario per ridurre la vulnerabilità energetica dell’Europa.

Continua a leggere su TheSocialPost.it