Vai al contenuto

Calenda sfotte Salvini: tutorial sull’uso delle bottiglie con il tappo di plastica. E il precedente del 2019…

Pubblicato: 27/05/2024 19:00

La campagna europea di Matteo Salvini, che gioca sui pregiudizi populisti legati all’Ue, ha segnato un nuovo colpo virale, scagliandosi stavolta contro il tappo di plastica che non si stacca dalla bottiglia, come deciso dall’Unione Europea grazie a una direttiva che mira a ridurre i rifiuti di plastica monouso. Gli risponde con ironia Carlo Calenda, leader di Azione, con un tutorial sull’uso di quei tappi. Calenda ricorda anche che la direttiva europea sui tappi monouso è stata firmata quando al governo c’era anche Salvini, nella parentesi del governo gialloverde del 2019.
Leggi anche: Ucraina, Matteo Salvini contro la Nato: “Mai attacchi alla Russia”

Salvini: “Eco-norme surreali”

A Matteo Salvini non piacciono le regole europee. “Eco-norme surreali volute da Bruxelles? No, grazie. Sì al buonsenso! Per più Italia e meno Europa, scegli la Lega”, scrive su X il vicepremier e segretario del Carroccio, pubblicando l’immagine di una persona che beve con difficoltà una bottiglietta d’acqua a causa del tappo che resta attaccato al contenitore di plastica.

La direttiva del 2019

Nel video virale in risposta a Salvini, Calenda ricorda che “il 5 giugno 2019 il governo Conte-Salvini ha votato a favore di una direttiva europea che prevede che i tappi quando si aprono non cadano e quindi si disperdano nell’ambiente. Hanno votato una cosa intelligente, credo per caso, immagino, ma comunque l’hanno votata”.

“Oggi Salvini dice che questo pone un sacco di problemi agli italiani – prosegue Calenda -, credo proprio che gli italiani si interroghino su questo problema nella vita, il loro problema non è la sanità, non sono i salari, ma è questo gesto complicatissimo da fare”.

Il video tutorial

Dopo la spiegazione, Calenda esegue un video-tutorial sull’uso delle bottiglie con il tappo incluso. “Una persona normale mette di lato” il tappo una volta aperta la bottiglietta “e beve. Salvini la mette in modo che questa cosa qui gli vada sul naso. Ci vuole una certa precisione – prosegue in maniera ironica -. Siccome poi non bevi tutto, perché non sei un cammello, guarda che fai Salvini: chiudi e tappi qua, poi appoggi. Poi se hai voglia ‘ariapri’, lo rifaccio due volte perché così ci arrivi anche tu – conclude rivolgendosi al segretario della Lega -. Se vuoi te la posso fare una terza volta, però credo che con due ci arrivi anche tu. Non è molto più difficile di baciare un prosciutto”.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 27/05/2024 22:04