Vai al contenuto

Estate 2024, le previsioni meteo di Giuliacci: “Sarà meno calda delle precedenti”

Pubblicato: 28/05/2024 08:56
previsioni Giuliacci estate 2024

Ormai manca poco all’inizio dell’estate. E in moltissimi si stanno chiedendo come sarà il tempo quest’anno. Se si registreranno insomma temperature ‘africane’ come già accaduto negli ultimi anni. A cercare di fornire una risposta a questi interrogativi ci pensa Mario Giuliacci con le sue previsioni meteo. Il meteorologo in un’intervista rivela che l’estate 2024 sarà meno calda di quelle che l’hanno preceduta.
Leggi anche: Mario Giuliacci, le previsioni meteo fino al 15 giugno: “Ci saranno tre fasi”

Le previsioni di Giuliacci per la prossima estate

La vera estate, con temperature al di sopra dei 35 gradi, arriverà solo a luglio, mentre prima, per tutto il mese di giugno, non ci saranno vere e proprie ondate di caldo ed anzi nelle regioni del Centro-Nord prevediamo precipitazioni e temporali. – va subito al punto Mario Giuliacci – Dal 1970 ad oggi, in estate la temperatura è aumentata di circa 2 gradi e mezzo, con conseguente incremento del numero delle ondate di caldo. Gli ultimi 5 anni abbiamo avuto la seconda, la terza, la quarta e la quinta estate più calda di sempre. Al primo posto c’è ancora il 2003. Quest’anno avremo l’80% di possibilità che lo sia altrettanto, ma c’è qualche elemento che ci fa pensare che l’estate 2024 sarà meno calda, almeno inizialmente”.
Leggi anche Previsioni meteo, tempo instabile sull’Italia fino a venerdì

“Chi porta il caldo è l’anticiclone africano. – spiega ancora Giuliacci – Negli anni passati portava ondate di caldo già a maggio. Quest’anno non lo abbiamo visto affatto, perché l’avanzata dei monsoni africani, venti piovosi che arrivano dall’Atlantico e che avanzano dalla Guinea verso Nord spingendo a loro volta l’Anticiclone africano verso l’Italia, è in deciso ritardo di 150 chilometri, circa 15/20 giorni. L’avanzata di questi monsoni africani verso Nord è determinata dalla temperatura delle acque del Golfo di Guinea. Tanto più è fredda quell’acqua tanto più i monsoni viaggiano verso Nord. Tanto più è calda, tanto più in ritardo sono i monsoni. E attualmente le temperature del Golfo di Guinea sono circa 1/2 gradi più calde del normale, quindi spingono di meno i monsoni verso Nord che a loro volta spingono di meno l’africano”.

Secondo Giuliacci, tra il 5 e il 10 giugno, “l’Anticiclone arriverà prima al Centro Sud, dove farà caldo ma saremo senz’altro sotto i 35 gradi, senza dunque avere ondate di caldo. Al Nord ci saranno ancora piogge, soprattutto al pomeriggio e sulle regioni alpine. Dopo il 5 giugno ci sarà una fase di bel tempo ma con temporali sulle Alpi. Prevedo che giugno vada avanti così. A luglio, invece, è probabile che l’anticiclone entri a gambe tese, per cui fino alla fine di agosto vedremo le vere ondate di caldo. È allora che comincerà la vera estate con temperature oltre i 35 gradi”, conclude.

Continua a leggere su TheSocialPost.it