Vai al contenuto

20enne stuprata su una barella al pronto soccorso: il tragico epilogo. Tragedia nella tragedia

Pubblicato: 30/05/2024 20:12

Una giovane di vent’anni si è tolta la vita lanciandosi da una finestra del quarto piano dell’ospedale di Vizzolo Predabissi (Lodi), subito dopo aver denunciato una violenza sessuale subita all’interno del pronto soccorso dello stesso ospedale. Il procuratore di Lodi, Maurizio Romanelli, ha reso nota la tragica vicenda. La giovane aveva segnalato l’abuso nella notte tra il 27 e il 28 maggio e si è suicidata la sera del 28, intorno alle 20.30.
Leggi anche: Corte Palasio, il sindaco Claudio Manara trovato senza vita in municipio

L’autopsia è stata già disposta, mentre le indagini sono state affidate ai carabinieri di San Donato Milanese e Melegnano. Per l’aggressione sessuale, un magazziniere di 28 anni, italiano e senza precedenti penali, residente nel Lodigiano, è stato fermato e portato in carcere dai carabinieri nelle scorse ore. L’uomo è sospettato di aver commesso la violenza su una paziente ventenne dell’ospedale di Vizzolo Predabissi.

20enne stuprata su una barella al pronto soccorso

La giovane aveva denunciato l’aggressore la mattina del 28 maggio, sostenendo di essere stata abusata su una barella in uno degli ambulatori del pronto soccorso.

Questo episodio di violenza segue una serie di altri casi denunciati recentemente nella zona, evidenziando un crescente problema di sicurezza e protezione per le donne. La cronaca locale ha riportato diversi episodi di violenze sessuali, compresi casi di aggressioni multiple dopo serate in discoteca e abusi su minori all’interno del contesto familiare.

Il caso di Vizzolo Predabissi ha sollevato una forte ondata di indignazione e preoccupazione tra i cittadini e le autorità. La comunità si interroga su come possano verificarsi episodi così gravi in un luogo che dovrebbe essere sicuro e protetto come un ospedale. La speranza è che le indagini portino rapidamente a fare chiarezza, garantendo giustizia alla vittima e prevenendo ulteriori simili tragici episodi.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 30/05/2024 20:29