Vai al contenuto

Mooney, multa salatissima dell’Antitrust: “Troppe scorrettezze”

Pubblicato: 30/05/2024 15:48

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha inflitto una multa di 2,52 milioni di euro a Money per aver adottato pratiche commerciali scorrette in relazione all’uso dell’omonima carta prepagata. Tali condotte sono vietate dal Codice del Consumo. Il procedimento era stato avviato il 18 luglio 2023, in seguito alle numerose segnalazioni ricevute dalle microimprese destinatarie delle richieste di pagamento.
Leggi anche: Un virus che svuota le carte di credito”. L’ultima, pericolosissima truffa informatica: ecco come difendersi

L’accusa dell’Antitrust a Mooney

Mooney S.p.A. e la capogruppo Mooney Group S.p.A. sono state quindi accusate di aver omesso un efficace e tempestivo controllo sul rilascio e sull’uso delle proprie carte, facilitando così pratiche commerciali scorrette. In particolare, queste pratiche includevano richieste di pagamento ingannevoli che sembravano provenire dalle Camere di Commercio. Mooney S.p.A. non ha effettuato le necessarie verifiche per identificare e correggere le carenze informative e gestionali nelle procedure di blocco e sblocco delle carte, aggravando ulteriormente la situazione.

Le indagini sono iniziate dopo che l’Autorità ha ricevuto numerose segnalazioni dalle microimprese coinvolte, che indicavano l’uso frequente delle carte prepagate Mooney per richieste di pagamento ingannevoli. Durante il procedimento, è stato accertato che Mooney S.p.A., “nonostante fosse venuta a conoscenza del ricorrente utilizzo delle proprie carte per questi scopi illeciti, ha omesso di adottare tempestive iniziative per fronteggiare il fenomeno”.

La replica di Mooney

È arrivata ben presto la replica della società. “Le società Mooney S.p.A. e Mooney Group S.p.A. hanno preso atto delle contestazioni” si legge nella nota e “si riservano di valutare le argomentazioni su cui il provvedimento è fondato, che non sembrerebbero riflettere adeguatamente il business della società, e impugnare lo stesso dinnanzi al Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio.​ Mooney ha inoltre sottolineato il suo impegno “per operare nel rispetto e a tutela dei propri clienti per garantire loro prodotti e servizi sicuri, di facile utilizzo e reperibili in modo capillare su tutto il territorio nazionale, garantendo informazioni complete, in linea con quanto previsto nei termini e condizioni d’uso dei propri prodotti”.

Continua a leggere su TheSocialPost.it