Vai al contenuto

Cruciani, Feltri irrompe al suo spettacolo: ecco cosa succede nel teatro

Pubblicato: 31/05/2024 08:27
Cruciani

Lo spettacolo di Giuseppe Cruciani a teatro sta colpendo nel segno. E lo dimostra il fatto che ogni serata è ormai oggetto di contestazione, soprattutto da parte dei cosiddetti ambientalisti che ormai hanno preso l’abitudine di interrompere lo show. Ma per Cruciani quella è benzina vera, e infatti è solo che felice di queste irruzioni, così ha altro materiale di cui parlare. A volte, però, accade anche che a teatro non irrompano solo contestatori, ma anche amici. E nel caso di Vittorio Feltri, beh, il suo ingresso ha creato un momento davvero unico nello spettacolo. Una vera e propria standing ovation per lo storico giornalista. Il direttore editoriale de Il Giornale si era recato al Teatro Manzoni di Milano per assistere allo spettacolo di Giuseppe Cruciani – “Via Crux. Tutto quello che pensate e non avete il coraggio di dire” – quando è stato sorpreso da una folla festante. (Continua a leggere dopo il video)
Leggi anche: Deodoranti, cosa c’è davvero dentro e quali sono quelli più “pericolosi”. La scoperta choc

“Vittorio, Vittorio, Vittorio”, hanno scandito i presenti a teatro, che gli hanno dedicato un tributo con cori e urla in suo nome. Impossibile trattenere la commozione per Feltri, sommerso di affetto dal pubblico, giunto nella struttura per il one-man-show del conduttore de La Zanzara. Giuseppe Cruciani è infatti sbarcato per la prima volta a teatro in un nuovo show che porta sul palcoscenico le contraddizioni del nostro tempo, le iperboli perbeniste, gli accanimenti contro il protagonista del giorno, scavando nelle viscere del pensiero dell’uomo medio. Vegani, omofobi, terrapiattisti, insomma, italiani! Il suo spettacolo fa a pezzi gli argini del politicamente corretto e scardina ogni liturgia. Cruciani va a ruota libera, non concede sconti, e non risparmia nessuno. Racconta così con ironia l’Italia di questi tempi, e poi il buonismo, il perbenismo, il linguaggio politically correct, e così via.

Continua a leggere su TheSocialPost.it