Vai al contenuto

Marina Berlusconi nominata Cavaliere del lavoro da Mattarella, come suo padre

Pubblicato: 31/05/2024 10:38

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha nominato Marina Elvira Berlusconi Cavaliere del Lavoro. La decisione è stata annunciata nell’elenco dei 25 nuovi Cavalieri del Lavoro, selezionati su proposta del Ministro del Made in Italy, Adolfo Urso. La primogenita del fondatore di Forza Italia, Silvio Berlusconi, che è scomparso il 12 giugno dello scorso anno, segue così le orme del padre, insignito della stessa onorificenza nel 1977.
Leggi anche: Bologna, terribile incidente stradale: muore un uomo di 59 anni, ci sono tre feriti

L’elenco dei nuovi Cavalieri del Lavoro include diverse figure di spicco del panorama economico e industriale italiano. Oltre a Marina Elvira Berlusconi, sono stati nominati:

  • Lucia Aleotti
  • Eufrasio Anghileri
  • Giovanni Arena
  • Pietro Beccari
  • Paolo Bertazzoni
  • Maria Chiara Boni
  • Giorgio Campagnolo
  • Carmine Caputo
  • Caterina Imelde Caselli
  • Carlo Cimbri
  • Graziano Giordani
  • Raffaella Leone
  • Matteo Bruno Lunelli
  • Fausto Manzana
  • Giuseppe Marino
  • Francesco Giovanni Muntoni
  • Duilio Paolino
  • Vito Antonio Primiceri
  • Fabio Ravanelli
  • Edoardo Roncadin
  • Enrico Samer
  • Antonio Serena Monghini
  • Giovanni Sgariboldi
  • Aquilino Carlo Villani

Un riconoscimento di eccellenza

Il titolo di Cavaliere del Lavoro è uno dei più alti riconoscimenti conferiti in Italia per meriti imprenditoriali e professionali. Ogni anno, il Presidente della Repubblica seleziona un numero ristretto di imprenditori e manager che si sono distinti per il loro contributo allo sviluppo economico, all’innovazione e alla crescita del Paese.

La nomina di Marina Berlusconi sottolinea il suo ruolo significativo nell’ambito del gruppo Fininvest e Mediaset, nonché il suo impegno nel proseguire l’eredità imprenditoriale del padre, contribuendo al successo e alla solidità delle aziende di famiglia.

Le nuove nomine riflettono l’eccellenza e la diversità del tessuto economico italiano, con rappresentanti provenienti da settori diversi, tra cui l’industria, la moda, la sanità, l’agroalimentare e la logistica. Questi leader continueranno a giocare un ruolo cruciale nel promuovere il Made in Italy e nel sostenere l’economia nazionale.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 31/05/2024 13:58