Vai al contenuto

Bimbo nasce senza naso, l’intervento incredibile copiando quello del fratello: “Ora è come lui”

Pubblicato: 04/06/2024 19:57

I genitori di un bambino di cinque anni, nato senza naso, ha espresso la loro profonda gratitudine al team di chirurghi dell’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze. Grazie all’utilizzo avanzato della stampa 3D e alla collaborazione del fratellino gemello, il piccolo è finalmente in grado di vivere una vita piena, ritrovando fiducia in sé stesso e speranza in un futuro normale.
Leggi anche: Sinner, la cavalcata trionfale: da San Candido al tetto del mondo, tutte le tappe di una carriera leggendaria

Un intervento delicato: Il bambino, nato prematuramente alla ventottesima settimana di gravidanza, ha affrontato una serie di sfide a causa della sua condizione congenita. Privato della piramide nasale, il suo volto presentava solo due aperture per respirare, causandogli notevole disagio emotivo e difficoltà sociali.

Una soluzione innovativa: Il team medico, guidato dal dottor Flavio Facchini, ha eseguito un intervento chirurgico complesso, durato più di sette ore, seguito da una fase di rifinitura. Utilizzando la tecnologia di scansione 3D e la geometria facciale del fratello gemello, i chirurghi hanno progettato e realizzato un naso artificiale su misura, adattato perfettamente alla conformazione del piccolo paziente.

Collaborazione multidisciplinare: In collaborazione con ingegneri specializzati in stampa 3D, il team medico ha simulato l’intero intervento chirurgico più volte prima della sua esecuzione effettiva. Grazie alle moderne tecnologie, sono state create sagome tridimensionali che hanno guidato con precisione millimetrica il prelievo di frammenti di cartilagine costale, riducendo al minimo l’invasività dell’intervento.

Un nuovo inizio: La madre del bambino ha elogiato il Meyer per la loro disponibilità e umanità, sottolineando l’impatto positivo che l’intervento ha avuto sulla vita del loro bambino. Ora, il piccolo si sente finalmente completo e guarda al futuro con fiducia, dicendo con gioia: “Ora sono davvero come il mio fratellino e i miei compagni”.

Continua a leggere su TheSocialPost.it