Vai al contenuto

Scoperta shock nella casa di cura. Muore ma le pompe funebri si accorgono di un dettaglio inquietante: “Mai vista una cosa del genere”

Pubblicato: 04/06/2024 17:45

Shock a Lincoln, in Nebraska negli Usa. Constance Glantz, una 74enne americana, era stata dichiarata morta dal personale della casa di cura presso la quale era ospite ma l’impresa di pompe funebri locali che ha gestito la sua sepoltura, ha fatto una scoperta sorprendente. Mentre gli addetti preparavano la salma per l’addio nella bara, però, qualcuno ha scoperto che in realtà la donna respirava ancora. “Questo è un caso molto insolito”, ha detto il vice capo Ben Houchin dell’ufficio dello sceriffo della contea di Lancaster durante una conferenza stampa trasmessa in live streaming. “Lo faccio da 31 anni e niente di simile è mai arrivato a questo punto prima.”
Leggi anche: Lince con 2 militari si ribalta a Tramatza vicino Oristano: morto un soldato, l’altro è grave

Secondo quando ricostruito dalla polizia locale, che ora sta indagando sui fatti, la signora Constance Glantz è stata dichiarata morta lunedì, intorno alle 9.45 ora locale, dal personale della casa di cura dove era assistita da tempo. Dopo la dichiarazione di morte firmata dalla struttura, sono state subito avviate le pratiche per il funerale e il corpo è stato quindi trasportato all’impresa di pompe funebri per preparare la salma all’ultimo saluto. A questo punto l’incredibile scoperta: circa due ore dopo la sua presunta morte, un addetto alle pompe funebri ha notato che la 74enne muoveva il torace e respirava ancora.

Inoltre, “un medico l’aveva vista negli ultimi sette giorni, e il medico era disposto a firmare il certificato di morte, e… non c’era nulla di sospetto al momento della morte” ha dichiarato Houchin Non si conoscono le condizioni attuali della donna. “A questo punto non siamo riusciti a scoprire alcun intento criminale da parte della casa di cura, ma le indagini sono in corso”, ha confermato Houchin. “Sono sicuro che la casa di cura e tutti gli altri daranno un’occhiata a ciò che è successo, e sono sicuro che guarderanno e vedranno se è necessario stabilire nuovi protocolli e se sono stati tutti seguiti.”

Continua a leggere su TheSocialPost.it